News Crypto e cryptovalute

Akoin, il token è già attivo in Africa

L'utopia di Akon sembra ormai una vera e propria realtà

Akoin, il progetto crittografico ideato e lanciato dal popolare rapper Akon, ha già iniziato ad essere utilizzato in Africa. In particolare ad Aken City, una città tecnologica in costruzione all’interno del Senegal, la quale dovrebbe svilupparsi seguendo un piano di lavoro per il quale è previsto l’impiego di ben 6 miliardi di dollari.
Oltre che a Mwale Medical Technology City (MMTC), una metropoli costruita in Kenia, attorno al complesso medico e tecnologico di Kakamega. Inoltre il token è stato aggiunto alle contrattazioni di alcuni exchange, a partire da Bittrex Global, che ha iniziato ad offrirlo il passato 11 novembre. Reputandolo con tutta evidenza un progetto valido.

Akoin - Akoin, il token è già attivo in Africa

Un progetto di larga portata

Se in un primo momento si erano sprecate le facili ironie sul progetto messo in campo da Akon, ora sembra proprio che la sua realizzazione ne vada ad attestare la serietà. E rischi di tramutarsi in un serio concorrente per M-Pesa, il servizio di trasferimento denaro tra utenti della compagnia di telefonia cellulare nata nel 2007 sulla rete mobile di Safaricom.
Come sta accadendo appunto a Mwale Medical Technology City, ove sono sempre di più coloro che utilizzano Akoin per sfuggire a costi di transazione che sono insostenibili per i tanti abitanti dell’area i quali possono far conto solo su redditi bassi. Commissioni che nelle transazioni in cui viene utilizzato Akoin non sono previste. Un fattore il quale senbra in effetti poter in effetti garantire il successo di Akon. Gli evidenti vantaggi che è in grado di assicurare ai propri utenti potrebbero in breve spingere molte persone ad adottarlo. A danno di M-Pesa, a meno che non muti registro.

Akoin, secondo Akon è il vero Wakanda

Mwale Medical Technology City (MMTC), secondo Akon, dovrebbe essere il primo passo verso la costruzione di Akon City. Ovvero il luogo che nei piani del celebre rapper rappresenta il vero Wakanda, ovvero il luogo creato nei suoi fumetti da Stan Lee e Jack Kirby.
La città vedrà la posa della prima pietra il prossimo anno e nei piani di Akon dovrebbe aiutare a cambiare l’Africa nel breve volgere di un decennio. A favorirne l’affermazione, potrebbe contribuire non poco la recente decisione del governo keniota, il quale ha deciso di vietare tutte le transazioni che implicano lo scambio di denaro contante. Una precauzione volta con tutta evidenza a cercare di frenare la diffusione del Covid-19 all’interno del Paese.

Musica e criptovalute, un contatto sempre più intenso

Akon è un progetto che in questo momento sta fortemente attirando lo sguardo dell’opinione pubblica. Attenzione logica proprio alla luce della sua rilevanza e dell’importanza che potrebbe avere per il Continente Nero.
I contatti tra mondo della musica e asset digitali, però, stanno diventando sempre più intensi. Come dimostra il recente caso di Lil Yachty, il quale ha a sua volta lanciato un progetto crittografico teso a stringere ancora di più il rapporto con i propri fans. E come testimonia il progetto Yala Coin, lanciato dal cantante dei Jane’s Addiction, Perry Farell, in collaborazione con Cary Granat e Ed Jones nel 2018. Ovvero un parco giochi, denominato Kind Heaven, incentrato sull’utilizzo di un token ERC20.
Se in questi casi la base ideologica è molto diversa, occorre comunque sottolineare come le criptovalute siano sempre più gettonate anche nel mondo della musica. Un interesse il quale dovrebbe senz’altro proseguire e intensificarsi nel corso dei prossimi anni.

Comprare Criptovalute? Exchange Binance Binance

Dario Marchetti

Sono laureato in Lettere e Filosofia alla Sapienza di Roma, con una tesi sul confine orientale d'Italia alla fine della Prima Guerra Mondiale. Ho collaborato con svariati siti su molte tematiche e guidato il gruppo di lavoro che ha pubblicato il CD-Rom ufficiale della S.S. Lazio "Storia di un amore" e "Storia fotografica della Magica Roma".

Post simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button