News Bitcoin

Andrew Yang intende trasformare New York in un hub per Bitcoin

Il noto criptofan è il favorito per la corsa a sindaco della Grande Mela

Nella corsa per la poltrona di sindaco di New York, c’è una vecchia conoscenza della comunità crittografica. Si tratta di Andrew Yang, il quale si era fatto notare nelle fasi iniziali delle primarie del Partito Democratico per le recenti presidenziali che hanno visto l’affermazione di Joe Biden.
Abbandonata la corsa verso la Casa Bianca, nel febbraio del 2020, che era del resto puramente simbolica, Yang non ha però lasciato la politica. E ora si ripresenta nella Grande Mela, con fondate speranze di farcela.

Andrew Yang - Andrew Yang intende trasformare New York in un hub per Bitcoin

Chi è Andrew Yang

Andrew Yang è un avvocato di origini taiwanesi, sposato e padre di due figli. Segnalatosi alla guida di Venture for America, organizzazione no profit che si propone di aiutare i giovani meno abbienti a studiare, si è candidato alla carica di sindaco di New York con un programma che ha il suo pezzo forte nell’Universal Basic Income, il reddito universale di base. Che, nelle sue intenzioni dovrebbe essere di almeno 2mila dollari.
A supportarlo nella sua corsa sarà ancora una volta la Yang Gang, una comunità di ragazzi appassionati di nuove tecnologie, i quali riescono a farsi notare sui social per le loro campagne estremamente divertenti, fondate sui meme. I quali, in particolare, apprezzano la passione di Yang per le criptovalute.

Andrew Yang è un noto criptofan

La fede di Yang negli asset digitali si è del resto palesato all’interno del suo programma per New York. Il quale intende trasformare la città in un vero e proprio hub per Bitcoin e Altcoin. Pur non avendo ancora precisato il suo programma in tal senso, si tratterebbe in effetti di un vero e proprio cambio di rotta rispetto a quanto è accaduto sinora. La città, infatti, ha sinora avuto un atteggiamento non proprio accogliente nei riguardi dell’innovazione finanziaria. Testimoniato in particolare dal framework BitLicense emanato dal Dipartimento dei servizi finanziari dello Stato di New York. Il quale ha in pratica spinto non poche aziende crittografiche a trasferirsi in lidi più accoglienti.

Non solo criptovalute

Il programma di Andrew Yang, oltre all’accento sul reddito universale di base, è incentrato su altre proposte che sembrano molto gradite all’elettorato. Tra le quali la legalizzazione della marijuana, il sostegno alle piccole attività commerciali contro lo strapotere dei grandi gruppi e il rilancio delle attività culturali e della vita notturna.
Proposte che sembrano fatte apposta per ridare speranza ad una città che è stata colpita molto duramente dalla pandemia di Covid-19. Ammontano infatti a più di 25mila le vittime del coronavirus, un numero tale da far capire ampiamente il vero e proprio stato di prostrazione in cui versa New York al momento.

Yang è il favorito

I sondaggi effettuati danno proprio Andrew Yang favorito nella corsa alla carica di sindaco. Stando agli stessi, i suoi principali sfidanti dovrebbero essere Maya Wiley, Eric Adams e Scott Stringer. Avversari in una competizione che darà sicuramente il successore di Bill De Blasio, in quanto i repubblicani non hanno alcuna speranza di potercela fare in una città di chiaro orientamento progressista che ha già consegnato una maggioranza schiacciante a Biden nelle presidenziali.
E proprio a Biden sembra intenzionato ad appoggiarsi Yang, nel tentativo di presentarsi con il volto rassicurante di un moderato che guarda a sinistra, con una grande attenzione per i diritti civili, in particolare quelli della comunità LGBTQ+.

Comprare Criptovalute? Exchange Binance Binance

Dario Marchetti

Sono laureato in Lettere e Filosofia alla Sapienza di Roma, con una tesi sul confine orientale d'Italia alla fine della Prima Guerra Mondiale. Ho collaborato con svariati siti su molte tematiche e guidato il gruppo di lavoro che ha pubblicato il CD-Rom ufficiale della S.S. Lazio "Storia di un amore" e "Storia fotografica della Magica Roma".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button