News Crypto e cryptovalute

Apple guarda con attenzione agli asset digitali

Ad affermarlo il CEO dell'azienda, Tim Cook, intervistato da 9to5Mac

Apple guarda con molta attenzione alle criptovalute. Ad affermarlo è Tim Cook, il suo CEO, in una intervista concessa a 9to5Mac, il quale ha poi precisato che l’azienda guarda con attenzione alle monete virtuali in termini tecnologici, in quanto le considera un possibile settore di investimento nel futuro. Mentre non sarebbero previsti progetti in tal senso, almeno al momento in quanto gli azionisti non acquistano i suoi titoli pensando che possa investire nel settore dell’innovazione finanziaria.

Tim Cook - Apple guarda con attenzione agli asset digitali

L’attenzione di Apple per gli asset digitali è di carattere tecnologico

Dalle parole pronunciate da Tim Cook, il quale aveva già affrontato il tema nel recente passato, alcuni osservatori hanno tratto la conclusione che l’azienda di Cupertino sarebbe intenzionata ad implementare le criptovalute in Apple Pay, in tempi rapidi. Tanto da spingere molti analisti ad affermare che in breve potrebbe avvenire l’integrazione di un portafogli digitale nel suo sistema di pagamento. Mentre secondo altri l’obiettivo sarebbe ancora più ambizioso, ovvero il lancio di un Exchange di criptovalute proprietario, il quale diventerebbe lo sbocco naturale di quei clienti i quali sono già interessati nel trading di asset digitali.

Un’ipotesi che gira già da tempo

L’ipotesi di un impegno diretto di Apple nel settore crypto gira ormai da tempo. Rinvigorita in particolare da un annuncio comparso nel passato mese di giugno, relativo a un’offerta di lavoro relativa alla posizione di “Business Development Manager – Alternative Payments“. Una mansione tale da richiedere espressamente, tra le varie qualifiche, competenze in tema di criptovalute.
L’annuncio in questione ha subito sollevato una ridda di voci, tra le quali quella del possibile varo di un token collegato all’ecosistema Apple. Un progetto il quale potrebbe contare sin dal suo avvio su una platea gigantesca, formata dai possessori di iPhone, che già superano il miliardo e mezzo di unità a livello globale. Al momento un’ipotesi di questo genere non sembra ancora fondarsi su basi concrete, ma potrebbero essere i numeri puri e crudi a spingere la casa di Cupertino ad imboccare la strada del denaro virtuale.

Le previsioni di Mitch Steves

Secondo l’analista di RBC Mitch Steves, ove Apple decidesse effettivamente di entrare nel settore delle criptovalute potrebbe dare vita ad un giro d’affari pari a 40 miliardi dollari annui. Di cui si gioverebbero anche gli Stati Uniti, i quali conseguirebbero per questa via la leadership globale nei prossimi due decenni.
Secondo Steves, basterebbe che 200 milioni di utenti effettuassero transazioni, per generare un fatturato annuo pari a 40 miliardi di dollari, molto più di quello che potrebbe derivare dal varo di una Apple Car, ipotesi di cui si parla ormai da tempo, ma resa complicata dalla concorrenza di Tesla. Molto più di quanto non potrebbe essere quella relativa all’inaugurazione di un exchange di criptovalute.

Un’ipotesi proficua anche per il settore crypto

Secondo Steves, peraltro, la discesa in campo di Apple potrebbe rivelarsi proficua per lo stesso settore crittografico. Il quale potrebbe in effetti giovarsi dell’apporto tecnologico dell’azienda per eliminare molti degli attuali difetti evidenziati dagli exchange.
Sembrano quindi molto lontani i tempi in cui Apple era criticata da Brian Armstrong, l’amministratore delegato di Coinbase, per il rifiuto opposto all’ipotesi di supportare Bitcoin e altre forme di pagamento alternative attraverso Apple Pay e l’App Store. Non resta quindi che attendere eventuali sviluppi, per capire se l’ipotesi di un’entrata dell’azienda nel settore crypto sia destinata a realizzarsi o meno.

Comprare Criptovalute? Exchange Binance Binance

Dario Marchetti

Sono laureato in Lettere e Filosofia alla Sapienza di Roma, con una tesi sul confine orientale d'Italia alla fine della Prima Guerra Mondiale. Ho collaborato con svariati siti su molte tematiche e guidato il gruppo di lavoro che ha pubblicato il CD-Rom ufficiale della S.S. Lazio "Storia di un amore" e "Storia fotografica della Magica Roma".

Post simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button