News Bitcoin

Bank of America: Bitcoin è la madre di tutte le bolle speculative!

Michael Hartnett, chief investment strategist di Bank of America Securities, ha dichiarato che Bitcoin è la madre di tutte le bolle speculative e, come tale, meriterebbe di essere fronteggiato con particolare attenzione.

L’esperto di BofA ha dichiarato in particolar modo che l’azione inflazionistica sui mercati ha aiutato il rally negli ultimi due mesi, ma che BTC si stia comunque comportando in maniera evidentemente estrema, con un aumento dei prezzi di oltre il 1.000% dall’inizio del 2019 ad oggi.

Insomma, per dirla come ha dichiarato l’esperto di Bank of America, Bitcoin farebbe saltare i confronti con qualsiasi bolla speculativa precedente. E, per farlo, ha citato la pur significativa impennata dei prezzi dell’oro di oltre il 400% alla fine degli anni Settanta, o ancora quanto avvenuto con il mercato azionario giapponese negli anni Ottanta o con il mercato azionario thailandese degli anni Novanta. Ha inoltre paragonato BTC con la bolla dot-com e… ha concluso che nessuno si è comportato come Bitcoin.

Certo, questo non significa che la bolla speculativa di Bitcoin sia destinata a scoppiare. Tuttavia, è evidente che chi investe in questo comparto così volatile e dalle prestazioni imparagonabili, farebbe molto bene a farlo all’interno di una strategia che possa contemplare tale rischio.

Sempre in merito alle principali valutazioni compiute intorno alle sorti di Bitcoin, sottolineiamo come qualche giorno fa l’autorevole voce di Nouriel Roubini ha sostenuto che il prezzo di BTC è sostanzialmente manipolato da un gruppo di persone, un gruppo di “balene”, ma che in realtà non ha alcun valore fondamentale e, dunque, non dovrebbe mancare poi tanto tempo al momento in cui la bolla iperbolica stia per scoppiare.

Comprare Criptovalute? Exchange Binance Binance

Roberto Rais

Grande esperto di criptovalute e nostro collaboratore già da diverso tempo. Segue attivamente come Editori diversi Blog specialistici del settore criptovalute

Post simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button