News Bitcoin

Bitcoin in Africa, cresce l’utilizzo in Kenya e Ghana

Ma la Nigeria è sempre in testa

In Africa continua a crescere l’attenzione verso gli asset digitali. Lo dimostrano i dati relativi in particolare a Kenya e Ghana, che si sono saldamente installati sul podio relativo alle contrattazioni P2P di Bitcoin, alle spalle della Nigeria. Mentre è in fase di leggero regresso il Sudafrica, il quale ha dovuto abbandonare il secondo posto conseguito nel corso del 2020. I dati in questione sono anche una conseguenza delle normative in vigore nei rispettivi Paesi. Andiamo a vedere perché.

bitcoin - Bitcoin in Africa, cresce l’utilizzo in Kenya e Ghana

Perché continua ad aumentare il favore verso le criptovalute in Kenya e Ghana

La crescita della popolarità del denaro digitale in Kenya e Ghana è dovuta in particolare al tacito appoggio delle autorità nei confronti del settore crittografico. Ad affermarlo è stato di recente un rapporto, il quale ha indicato in particolare il lancio da parte della Banca centrale del Ghana di un sandbox normativo che ha dato la priorità alle società basate su blockchain, comprese le startup di criptovaluta, alla stregua di un fattore che potrebbe aver incrementato i volumi del paese.
A differenza di quanto accaduto in Sudafrica, ove la questione di Mirror Trading International, la più grande truffa crittografica del 2020 secondo Chainalysis, ha spinto le autorità ad una stretta normativa. Tesa con tutta evidenza a impedire il ripetersi di raggiri a danno degli investitori più incauti.

Bitcoin: cosa sta accadendo in Sudafrica?

Mirror Trading International è un exchange di criptovalute con sede a Johannesburg, il quale si era presentato al mercato con tanto di autorizzazioni al fine di convincere un gran numero di utenti. In realtà, però, il management non faceva altro che gestire uno schema Ponzi multimilionario. Crollato il quale, la Financial Sector Conduct Authority (FSCA) ha proposto una serie di norme rigorose. In particolare quelle le quali rendono obbligatorio per le startup crittografiche l’ottenimento di una licenza con la quale poter operare in veste di provider di servizi finanziari (FSP). Chi non la ottiene deve immediatamente cessare le operazioni.
Cui si è aggiunta una nuova restrizione: i contribuenti devono divulgare tutte le transazioni e le entrate legate alle criptovalute, inclusi i casi d’uso, al South African Revenue Service (SARS). Chi non lo fa può essere sanzionato con una multa o una pena detentiva tale da poter arrivare sino a due anni. Il risultato di questo nuovo schema legislativo è stato una caduta del 10% degli scambi crittografici nel Paese. Oltre che la riduzione degli spazi in cui possono infiltrarsi i truffatori.

Il caso della Nigeria

In Nigeria, invece, l’ordine alle banche di chiudere i conti delle entità le quali effettuano transazioni di criptovaluta da parte della banca centrale (CBN) ha avuto una risposta esattamente opposta.  A dimostrarlo sono soprattutto i dati forniti da Tulip, secondo cui i volumi di scambio di Bitcoin P2P della Nigeria nel corso degli ultimi 90 giorni si sono impennati a quasi 100 milioni di dollari. Una cifra la quale è quasi due volte e mezzo superiore a quella del Kenya. E tale da suggerire che siano cresciuti gli utenti i quali stanno ora utilizzando piattaforme P2P al fine di scambiare Bitcoin.
Una decisione, quella della Nigeria, che a marzo è stata emulata da molti altri Paesi del continente. Con il risultato di una crescita degli scambi su piattaforme P2P in quelli che hanno intrapreso la stessa direzione.

Comprare Criptovalute? Exchange Binance Binance

Dario Marchetti

Sono laureato in Lettere e Filosofia alla Sapienza di Roma, con una tesi sul confine orientale d'Italia alla fine della Prima Guerra Mondiale. Ho collaborato con svariati siti su molte tematiche e guidato il gruppo di lavoro che ha pubblicato il CD-Rom ufficiale della S.S. Lazio "Storia di un amore" e "Storia fotografica della Magica Roma".

Post simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button