News Bitcoin

Bitcoin, mancano tre settimane dall’halving

Ad oggi mancano solo tre settimane all’halving di Bitcoin, e con tale evento di importanza critica che è oramai alle porte, il primo asset criptovalutario per capitalizzazione di mercato si trova dinanzi a un punto particolarmente cruciale per la sua storia, che potrebbe plasmare il futuro dell’asset nel prossimo breve e lungo termine.

Ma cosa significa esattamente l’halving, e perché gli investitori criptovalutari si aspettano che l’evento sia così fortemente rialzista?

Cos’è l’halving e perché ha un impatto sul prezzo Bitcoin?

Il funzionamento di Bitcoin prevede che ogni transazione che avviene sulla criptovaluta sia convalidata dalla stessa rete che supporta il progetto, senza dunque la necessità di un’autorità centrale.

Questo particolare processo prevede l’utilizzo di macchinari ad alta tecnologia progettati per ottenere la maggior quantità possibile di hash a basso costo, utilizzandolo per risolvere complesse equazioni matematiche. Il miner o il pool di mining, per risolvere tutte le equazioni necessarie per questa attività, sblocca una ricompensa di 12,5 BTC.

Ebbene, tra tre settimane questa ricompensa scenderà a soli 6,25 BTC. E, considerato che si tratta del terzo halving della storia di Bitcoin, può essere utile cercare di capire cosa sia accaduto in passato.

Cosa è accaduto nei precedenti halving

Ogni halving nel passato ha dato il via ad una decisa corsa rialzista di Bitcoin. L’idea è infatti quella che se la ricompensa che i miner di BTC ricevono viene dimezzata, aumentano immediatamente i costi di produzione. I miner smetteranno di vendere in perdita, e ciò dovrebbe sostenere il prezzo dei Bitcoin. Ed ecco perché, ogni volta, in passato, il prezzo del Bitcoin è salito esponenzialmente in seguito all’evento.

Pesa il contesto attuale

Ad ogni modo, non è detto che questa volta le cose debbano necessariamente andare nella stessa direzione. Il sentimento di mercato è ai minimi dopo il crollo da record del mese scorso che ha portato il prezzo della principale valuta digitale a meno di 4.000 dollari. La pandemia di coronavirus ha fatto sì che gli investitori fossero troppo timorosi per correre un rischio con il mercato criptovalutario, anche con l’halving così vicino.

Certo, le quotazioni di Bitcoin si sono poi riprese, cercando di recuperare il terreno perduto. Tuttavia, a non essere sparito non è il picco minimo toccato qualche settimana fa, quanto il punto interrogativo sull’effetto che verrà scaturito dall’halving…

Comprare Criptovalute? Exchange Binance Binance

Roberto Rais

Grande esperto di criptovalute e nostro collaboratore già da diverso tempo. Segue attivamente come Editori diversi Blog specialistici del settore criptovalute

Post simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button