News Bitcoin

Bitcoin, gli stimoli del governo USA lo favoriscono?

bitcoin2 - Bitcoin, gli stimoli del governo USA lo favoriscono?

Come è noto, il governo statunitense ha dato vista ad un massiccio piano di stimoli e aiuti all’economia messa in crisi dall’arrivo del Covid sul territorio statunitense.
Se le politiche sanitarie messe in atto da Donald Trump hanno fatto non poco discutere, lasciando in pratica molti varchi aperti alla diffusione del virus, sugli aiuti economici sembra non ci sia molto da discutere. Sono stati in effetti massicci, molto più di quanto ad esempio non sia accaduto in Europa, ove i governi dei Paesi appartenenti all’Unione Europea hanno in effetti dato vita ad uno squallido teatrino, tale da portarla sull’orlo di una vera e propria crisi politica.
Questi aiuti, peraltro, sembrano aver favorito non poco le criptovalute e, in particolare, il Bitcoin. Andiamo a vedere in che modo.

Molti cittadini statunitensi hanno convertito gli aiuti in BTC

All’interno del piano di aiuti predisposto dal governo statunitense, c’era anche un assegno da 1200 dollari per i lavoratori costretti a rimanere in casa a causa del lockdown. Un aiuto che secondo Brian Armstrong in molti casi sarebbe stato destinato non al pagamento degli affitti o di altre necessità analoghe, come si pensava, bensì nell’acquisto massiccio di valuta digitale.
A confermarlo sarebbero i dati di Coinbase, exchange il quale ha visto aumentare nell’ordine del 400% il numero di depositi e acquisti nel mese di aprile.

I nuovi assegni in arrivo potrebbero avere analoga destinazione?

Nelle ultime ore si sono intensificate le voci che vorrebbero il governo intenzionato a dare vita ad un secondo round di assegni, teso a stimolare una economia in grave sofferenza.
In particolare, nel corso di un’intervista del 26 luglio rilasciata aJake Tapper, giornalista di punta della CNN, il consigliere economico della Casa Bianca Larry Kudlow ha confermato che gli americani riceveranno un altro assegno da 1.200 dollari. Si tratterebbe di una delle parti qualificanti di un pacchetto di stimoli di circa un trilione di dollari.

La ratio del provvedimento

Secondo gli analisti, infatti, il PIL degli Stati Uniti rischia in questo 2020 di inabissarsi letteralmente. Una ipotesi che la Casa Bianca sembra intenzionata a impedire con ogni mezzo. Anche in considerazione dell’incombere delle presidenziali, cui Trump si accosta con numeri che fanno paura.
Nei sondaggi, infatti, il tycoon deve recuperare un distacco sempre più ampio da Joe Biden. Il tutto con un Paese ancora in rivolta dopo i fatti di Minneapolis, con il movimento Black Lives Matter deciso a non dare tregua. Se a tutto ciò si aggiungono i timori di una seconda ondata di Covid, si può comprendere perché si torni a parlare di stimoli all’economia.

Sullo sfondo incombe un nuovo boom di Bitcoin

E mentre si torna a parlare di stimoli economici, il Bitcoin fa registrare una nuova crescita tale da ridestare i sogni di molti fans. Il movimento ascensionale crescita che ha spinto la creazione di Satoshi Nakamoto a 10200 dollari, con un guadagno di circa 300 in quattro ore, non poteva certo passare inosservato presso un’opinione pubblica che guarda con sempre maggior favore agli asset digitali. Del resto proprio il 23 luglio, nelle ore successive ai primi annunci relativi al pacchetto di stimoli da un trilione di dollari, la quotazione di BTC era cresciuta oltre i 9500 dollari, interrompendo un periodo di bassa volatilità, che l’aveva ancorata sotto quel livello. Una cosa che potrebbe accadere nuovamente dopo l’annuncio di Kudlow.

Dario Marchetti

Sono laureato in Lettere e Filosofia alla Sapienza di Roma, con una tesi sul confine orientale d'Italia alla fine della Prima Guerra Mondiale. Ho collaborato con svariati siti su molte tematiche e guidato il gruppo di lavoro che ha pubblicato il CD-Rom ufficiale della S.S. Lazio "Storia di un amore" e "Storia fotografica della Magica Roma".

Post simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close