News Crypto e cryptovalute

Bolivar digitale, il Venezuela lo lancerà ad ottobre

L'annuncio è stato dato dalla banca centrale del Paese

Nel prossimo mese di ottobre, il Venezuela lancerà il Bolivar digitale. Ossia la versione nazionale della Central Bank Digital Currency (CBDC), sulla falsariga di quanto sta facendo la Cina.
Si tratta di una sorpresa non di poco conto, considerato come ne avesse parlato il presidente Nicolas Maduro nel febbraio di quest’anno. La sua pratica realizzazione avviene quindi in un arco di tempo che può in effetti essere considerato molto breve, soprattutto alla luce di quanto fatto da altri Paesi. La sua introduzione porterà alla soppressione di sei zeri dalla quotazione ufficiale della valuta.

maduro venezuela petro - Bolivar digitale, il Venezuela lo lancerà ad ottobre

Bolivar digitale: a cosa è dovuta la sua introduzione?

A cosa è dovuta l’accelerazione impressa dal Venezuela al lancio del suo Bolivar digitale? Tra le possibili spiegazioni, la prima è relativa al problema rappresentato dal fatto che il Petro non ha mai avuto corso legale nel Paese. Se Maduro si è prodigato per favorirne l’utilizzo, ad esempio donando un wallet a tutti gli studenti, la criptovaluta nazionale non ha però raggiunto la quota di mercato che era stata immaginata all’atto del suo lancio.
La seconda è quella relativa al fatto che il bolivar tradizionale non ha mai smesso di essere angustiato da livelli eccessivi di svalutazione. Tali da spingere il governo a battere comunque strade alternative, per cercare di trovare una soluzione. Sino all’epilogo rappresentato dal Bolivar digitale.

Il problema potrebbe presto ripresentarsi

Secondo gli economisti, il taglio della quotazione del Bolivar avrà come effetto una notevole facilitazione delle transazioni, almeno nel breve periodo. Secondo Luis Vicente, però, se il Paese non affronterà il problema della sua organizzazione economica, entro un semestre il problema è destinato a ripresentarsi con le stesse sembianze. Per evitarlo la strada è quella tesa ad attenuare lo squilibrio tra la massiccia spesa pubblica e una produzione locale insufficiente. Un problema il quale, però, comporta tempi lunghi per la sua risoluzione.
Intanto, però, al fine di provare ad attenuare gli effetti dell’inflazione su stipendi e pensioni, sono sempre di più coloro che cambiano i soldi ricevuti in criptovalute. Se pur volatili, infatti, BTC e Altcoin garantiscono una maggiore tenuta rispetto alla moneta sovrana. Tanto che il Paese è uno di quelli che hanno maggiormente sviluppato l’economia digitale. Non solo tra quelli del Sud America, ma anche a livello globale.

L’embargo statunitense e il tentativo di limitare l’isolamento internazionale

L’embargo operato dagli Stati Uniti continua a strozzare il Paese, come del resto accade a Cuba. Rendendo difficile anche far entrare medicinali, compresi quelli che servono per contrastare il Covid.
Nel corso degli ultimi mesi Maduro si è adoperato per limitare l’isolamento. E qualche risultato in tal senso inizia ad arrivare, anche grazie al cambio di regime in alcuni Paesi sinora governati dalla destra. A partire dal Perù, ove il nuovo Presidente, Pedro Castillo, ha già indicato la sua intenzione di non seguire più la politica del Gruppo di Lima e di voler stabilire relazioni amichevoli con il Venezuela. Come del resto potrebbero fare la Bolivia e l’Argentina, altri Paesi ove le forze di sinistra hanno trionfato alle ultime Presidenziali.
Anche altri sembrano però intenzionati a sfidare gli Stati Uniti. Tra cui Cina, Russia e Iran, ma non solo. Ove ciò avvenisse, la situazione per il Venezuela potrebbe cambiare notevolmente e permettere a Maduro di limitare i danni del blocco statunitense.

Comprare Criptovalute? Exchange Binance Binance

Dario Marchetti

Sono laureato in Lettere e Filosofia alla Sapienza di Roma, con una tesi sul confine orientale d'Italia alla fine della Prima Guerra Mondiale. Ho collaborato con svariati siti su molte tematiche e guidato il gruppo di lavoro che ha pubblicato il CD-Rom ufficiale della S.S. Lazio "Storia di un amore" e "Storia fotografica della Magica Roma".

Post simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button