News Bitcoin

Cala la correlazione tra Bitcoin e mercato azionario

La correlazione tra Bitcoin e il mercato azionario era sempre più stretta nelle ultime settimana, ma si è poi improvvisamente deteriorata negli ultimi giorni. E dopo l’ultima azione di prezzo da parte di BTC, secondo alcuni trader la correlazione potrebbe finalmente essere addirittura finita, con BTC in grado di liberarsi dalle catene dell’S&P 500, uno dei più noti indici di monitoraggio dell’evoluzione dei listini di Borsa a stelle e strisce.

La correlazione tra Bitcoin e S&P 500 è finita grazie all’halving?

Il prezzo di Bitcoin è salito ben al di sopra dei 10.000 dollari nel corso del mese di febbraio, ma il massiccio crollo del mercato azionario si è riversato anche nel mercato delle criptovalute, determinando un brusco trend negativo dei valori di tutte le principali valute digitali.

Insomma, con le turbolenze che hanno attraversato le azioni, il petrolio, l’oro e altro ancora, gli investitori di crypto hanno iniziato ad interessarsi ai mercati tradizionali e, più gli analisti criptovaluatri osservavano da vicino questi asset e la loro evoluzione, più la correlazione tra Bitcoin e S&P 500 divenne abbondantemente chiara.

Ma questa correlazione è andata scemando con il passare dei giorni e potrebbe finalmente essere giunta al termine.

A partire dalla fine di aprile,  per esempio, Bitcoin ha acquisito un ulteriore slancio grazie all’halving, l’evento che ha dimezzato la ricompensa che la rete riconosce nei confronti dei propri miner. L’evento ha aiutato BTC a sostenere la sua forza rialzista nel mese successivo. Che sia o meno questa la causa, una cosa è certa: Bitcoin ha superato l’S&P 500 e il resto del mercato azionario, e lo ha fatto con uno slancio piuttosto convincente.

Attenzione a nuovi crolli dei mercati azionari

Le cose non sono però così semplici. La chiusura della settimana da parte dei titoli tecnologici statunitense ha infatti contribuito a formare un pattern ribassista che potrebbe aprire le porte a un nuovo calo del mercato azionario. Se dovesse verifica un altro crollo come quello già sperimentato qualche mese fa, allora è possibile che possa trascinare Bitcoin verso il basso ancora una volta, e causare la ripresa della correlazione che oggi sembra essere parzialmente archiviata.

Attualmente Bitcoin sta lottando per superare la resistenza chiave di 10.000 dollari, e qualcuno ipotizza che al di sotto di tale soglia i miner potrebbero non avere grande convenienza a “estrarre” nuovi blocchi. Tuttavia, è molto presto per dire con certezza se il mercato azionario subirà un altro calo e se Bitcoin potrebbe essere coinvolto da tutto ciò.

L’economia è destinata a riaprirsi, il che dovrebbe essere un segnale positivo del fatto che la crescita economica potrebbe presto tornare sui mercati. Tuttavia, i mercati agiscono spesso in modo irrazionale, e qualsiasi prospettiva positiva potrebbe indurre a trarre profitto.

È dunque probabile che tutti gli occhi saranno puntati su Bitcoin nei prossimi giorni, dato che l’halving della criptovaluta è ormai alle spalle, e ci si aspetta un aumento più incoraggiante. Tuttavia, data la correlazione con il mercato azionario, è probabile che gli investitori criptovalutari osserveranno quel mercato altrettanto da vicino…

Roberto Rossi

Grande esperto di criptovalute e nostro collaboratore già da diverso tempo. Segue attivamente come Editori diversi Blog specialistici del settore criptovalute

Post simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button