News Crypto e cryptovalute

Cardano, si avvicina l’era di Goguen

In arrivo tante nuove funzionalità

Per Cardano si avvicina l’era di Goguen, attesa alla stregua di una pietra miliare per lo sviluppo del suo ecosistema. E’ stato Emurgo, ramo aziendale dell’azienda fondata da Charles Hoskinson, a fornire un aggiornamento su quanto sta accadendo. Facendo balenare davanti agli occhi degli osservatori le straordinarie opportunità che si apriranno per gli sviluppatori grazie alle nuove funzionalità che Goguen aggiungerà alla rete con il suo esordio, previsto alla fine del mese di ottobre.
Un annuncio il quale ha già messo in fibrillazione la comunità di fedelissimi che ormai da tempo accompagna l’avventura della “criptovaluta dei professori”.

cardano ada - Cardano, si avvicina l’era di Goguen
Cryptocurrency Cardano in the man’s hand. ada

Un salto di qualità per Cardano

La nuova fase aperta da Goguen permetterà di fare conto non solo sui contratti intelligenti, ma anche su altre funzionalità le quali potrebbero rivelarsi preziose in particolare per le aziende intenzionate a sfruttare la rete blockchain di Cardano, dando luogo a servizi e soluzioni ad alto valore aggiunto.
In particolare sarà possibile lo sviluppo di applicazioni decentralizzate (DApps), sempre più in voga e apprezzate da sviluppatori e aziende. Goguen introdurrà inoltre il Multi-Assets Ledger, per effetto del quale la rete sarà in grado di ospitare nuovi token nativi, da utilizzare in concorso con le DApp al fine di costruire progetti DeFi. Simile a ERC-20 di Ethereum, consentirà agli sviluppatori di creare token di utilità, sicurezza, fedeltà e collezionabili.
Inoltre, gli utenti potranno utilizzare un’interfaccia per emettere token personalizzati in modo rapido e intuitivo.

Un sistema sempre più sicuro

Emurgo ha anche affermato che Cardano si trasformerà in una delle piattaforme più sicure in assoluto per chi intenda varare protocolli, applicazioni e finanziamenti decentralizzati con l’intento di attirare nuovi utenti.
Tra i casi d’uso proposti da Emurgo spicca l’utilizzo di Cardano in modo da poter ospitare informazioni “altamente sensibili” per le società.

Il linguaggio di programmazione Plutus

Ad implementare tale aspetto sarà in particolare il linguaggio di programmazione Plutus, al quale è affidato il compito di mettere in sicurezza i contratti finanziari sulla piattaforma utilizzata.
Costruito con lo standard algoritmico e quello di dati ACTUS, il progetto è supportato da grandi aziende, a partire da Deloitte, con l’intento di creare uno standard globale per gli strumenti finanziari. Ove scritto in maniera corretta, un contratto intelligente programmato in Plutus sulla blockchain di Cardano è in grado di rendere visibile alle parti coinvolte le conseguenze di quanto stipulato, impedendo interpretazioni contraddittorie.
La sua utilizzazione prevede due fasi: il primo atto, Plutus Foundation, permetterà l’accesso degli sviluppatori a strumenti che permetteranno il varo di ICO, Dex e stablecoin. In un secondo momento avverrà il lancio del framework dell’applicazione Plutus in modo da aumentare la creazione di “contratti logici complessi”.

Il linguaggio di programmazione Marlowe

Altra caratteristiche estremamente interessante dell’era Goguen è l’introduzione del linguaggio di programmazione Marlowe, ideale per la creazione di strumenti finanziari. In particolare, il suo impiego permetterà a chiunque di creare un contratto intelligente o una DApp attraverso blocchi di codice pre-introdotti. Impedendo così la formazione di una sorta di casta sacerdotale cui doversi rivolgere per poter arrivare alla effettiva fruizione di strumenti che invece saranno alla portata di tutti.
Per effetto di questa novità, gli attuali contratti finanziari in uso nel mondo reale potranno essere implementati facilmente nella piattaforma Cardano. Non resta quindi che attendere alcuni giorni per capire la reale portata della rivoluzione promessa da Goguen.

Dario Marchetti

Sono laureato in Lettere e Filosofia alla Sapienza di Roma, con una tesi sul confine orientale d'Italia alla fine della Prima Guerra Mondiale. Ho collaborato con svariati siti su molte tematiche e guidato il gruppo di lavoro che ha pubblicato il CD-Rom ufficiale della S.S. Lazio "Storia di un amore" e "Storia fotografica della Magica Roma".

Post simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button