News Crypto e cryptovalute

Chainlink aggiunto ai sistemi di pagamento su Travala

Ennesimo riconoscimento per il token

Chainlink è stato accettato da Travala, la nota compagnia di viaggi online, come forma di pagamento aggiuntiva. Una scelta abbastanza strana, considerato come il token non sia nato come forma di pagamento, bensì come strumento teso allo sfruttamento degli oracoli decentralizzati.
E’ stata però la comunità di Travala a spingere per questa mossa, trovando la massima disponibilità della compagnia.

chainlink 1 - Chainlink aggiunto ai sistemi di pagamento su Travala

La grande crescita di Travala

Si tratta di una ulteriore e notevole opportunità per Chainlink, considerato come nel corso dell’ultimo anno Travala abbia messo a segno una crescita nell’ordine del 179%. Una crescita la quale non è stata frenata neanche dalla pandemia di Covid-19 in corso. Basti pensare che soltanto nel mese di agosto il numero di coloro i quali hanno scelto la compagnia è aumentato del 9%.

Travala e criptovalute, il legame è sempre più forte

In questa crescita un ruolo del tutto particolare spetta agli asset digitali. Che hanno confinato le valute fiat al 32% dei pagamenti che avvengono sulla piattaforma. Ove il token che ha avuto sinora il maggior successo è AVA, il quale viene impiegato nel 19% delle transazioni effettuate. Il podio è poi completato da Bitcoin, che segue molto staccato all’11%, e da Ethereum.
Tutti, però, dovranno ora fare i conti anche con LINK. Almeno stando alle dichiarazioni di Juan Otero, CEO di Travala, secondo il quale a spingere per la sua adozione sarebbe stata proprio la folta comunità che ha scelto la compagnia per i propri viaggi in ogni parte del mondo.

Chainlink prosegue la sua ascesa

Chainlink si trova ormai da tempo nel pieno di una corrente ascensionale la quale sembra destinata a proseguire ancora per molto.
Basti pensare che nel corso dell’ultimo anno ha messo a segno un eloquente +337%, avvalendosi di alcuni accordi estremamente importanti. A partire da quello con Nexo, azienda operante nel campo della finanza, che ha scelto proprio la rete di LINK per la sua piattaforma di prestiti basati sulla tecnologia blockchain. Come hanno fatto Bancor e Ren, piattaforme di scambio per la liquidità decentralizzata, che hanno adottato Chainlink nei loro feed tesi alla rilevazione dei prezzi. E Conflux Network, con l’intento di espandere le frontiere del Web 3.0 in modo da includere tecnologie meno recenti, come quelle relative agli SMS.

Quali sono le prospettive di Chainlink?

Attualmente Chainlink è al settimo posto nella classifica di CoinGecko, con una capitalizzazione pari a circa 3,8 miliardi di dollari. Nel corso dell’estate ha però addirittura sfiorato il podio, raggiungendo il quarto posto alle spalle di Bitcoin, Ethereum e Ripple.
Il suo trend ascensionale promette però di continuare ancora per lungo tempo. Tanto da spingere Timothy Peterson, analista di Cane Island Alternative Advisors, a vaticinare il conseguimento di 32 dollari in termini di quotazione. Considerato che attualmente si trova a 9,70 i margini di crescita sarebbero di conseguenza molto elevati.
Favoriti anche dalla grande reputazione di cui gode, testimoniato dal giudizio di World Economic Forum. Che ha indicato il token alla stregua di pioniere tecnologico per l’anno in corso, all’interno di una lista in cui sono incluse altre 99 aziende di questo genere. Le quali vengono scelte nei settori dell’intelligenza artificiale, dell’Internet of Thing (IoT), della blockchain, del fintech e delle biotecnologie.
A fare premio in tal senso sono caratteristiche come la capacità di influenzare le altre piattaforme, l’importanza riconosciuta dalle altre aziende in termini di leadership e il grado di innovazione conseguito.

Dario Marchetti

Sono laureato in Lettere e Filosofia alla Sapienza di Roma, con una tesi sul confine orientale d'Italia alla fine della Prima Guerra Mondiale. Ho collaborato con svariati siti su molte tematiche e guidato il gruppo di lavoro che ha pubblicato il CD-Rom ufficiale della S.S. Lazio "Storia di un amore" e "Storia fotografica della Magica Roma".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button