News Crypto e cryptovalute

Criptovaluta, attrae l’80% degli investitori istituzionali statunitensi ed europei

Una nuova indagine condotta su circa 800 investitori istituzionali negli Stati Uniti e in Europa sta mostrando una crescente e forte adozione della criptovaluta, in particolare del Bitcoin. Circa l’80% delle istituzioni ha dichiarato di trovare la crittovaluta “attraente”, e il 60% ritiene che le criptovalute dovrebbero trovare un posto nei propri portafogli.

Fidelity Digital Assets, il braccio di Fidelity Investments, ha annunciato martedì i risultati di un sondaggio per comprendere meglio l’interesse istituzionale e l’adozione delle valute criptate, nonché le principali barriere all’investimento in esse. Il sondaggio è stato condotto da novembre 2019 a marzo 2020, e ad esso hanno partecipato 774 investitori istituzionali, di cui 393 negli Stati Uniti e 381 in Europa. Tra gli intervistati vi sono consulenti finanziari, family office, pensioni, crypto e hedge fund tradizionali, investitori con un elevato patrimonio netto, fondi di dotazione e fondazioni. Questo è il secondo anno consecutivo che Fidelity ha intervistato le istituzioni statunitensi, ma è la prima volta che ha intervistato gli investitori europei, rendendo così i risultati ancora più approfonditi e interessanti.

Per quanto riguarda i principali numeri, il 74% degli investitori istituzionali statunitensi trova la criptovaluta attraente, contro l’82% degli investitori europei. Un notevole dato che contrasta è che il 25% degli investitori europei trova attraente il fatto che alcuni beni digitali siano liberi dall’intervento del governo, mentre solo il 10% degli investitori negli Stati Uniti la pensa così.

Inoltre, il 36% degli intervistati – il 27% negli Stati Uniti e il 45% in Europa – ha rivelato di essere attualmente impegnato a investire in asset digitali. Il Bitcoin continua ad essere la criptovaluta preferita, con oltre un quarto degli intervistati che la detiene, mentre l’11% ha un’esposizione a ETH. Guardando ad una prospettiva di cinque anni, il 91% degli intervistati afferma di essere aperta a una esposizione ad attività digitali in un portafoglio in cui ci si aspetta di avere almeno lo 0,5% allocato su asset digitali.

Tre caratteristiche delle valute crittografiche sono più interessanti sia per gli investitori istituzionali statunitensi che per quelli europei. Il 36% degli intervistati ha dichiarato di apprezzarle perché non sono correlate ad altre classi di attività, mentre il 34% afferma di essere attratto da una tecnologia innovativa, e il 33% dall’elevato potenziale di rialzo.

La maggior parte degli investitori istituzionali (6 su 10) ritiene che gli asset digitali abbiano un posto nel proprio portafoglio, anche se le opinioni variano a seconda del luogo in cui si trovano.

Nonostante il crescente interesse da parte delle istituzioni, permangono ostacoli all’adozione della crittovaluta. Il 53% degli intervistati ha citato la volatilità dei prezzi come la ragione principale, il 47% ha dichiarato la manipolazione del mercato, e il 45% ha affermato “la mancanza di fondamentali per valutare il valore appropriato”.

Il presidente di Fidelity Digital Assets, Tom Jessop, ha commentato i risultati dell’indagine sancendo come questi risultati siano in grado di confermare la tendenza del mercato verso un maggiore interesse e accettazione dei beni digitali come nuova classe di asset su cui investire.

Comprare Criptovalute? Exchange Binance Binance

Roberto Rais

Grande esperto di criptovalute e nostro collaboratore già da diverso tempo. Segue attivamente come Editori diversi Blog specialistici del settore criptovalute

Post simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button