News Crypto e cryptovalute

Criptovaluta ufficiale nel futuro del North Dakota?

L'ipotesi è stata lanciata da Nathan Toman

La crisi economica innescata dal Covid-19 continua a provocare grandi difficoltà all’economia degli Stati Uniti. Di fronte alle quali il governo federale ha deciso di utilizzare strumenti straordinari, sotto forma di sussidi ai lavoratori costretti all’inattività e alle aziende. Una vera e propria inondazione di liquido la quale, però, non è stata in grado di attutire, se non in parte, l’impatto della pandemia.
A fronte di eventi i quali rischiano di riversare conseguenze ancora per molti mesi, anche i governi dei vari Stati stanno naturalmente pensando a cosa fare. In questo quadro spicca la discussione in atto nel North Dakota. Andiamo quindi a vedere di cosa si tratti.

North Dakota - Criptovaluta ufficiale nel futuro del North Dakota?

Il North Dakota studia una sua criptovaluta

Una divisa digitale del North Dakota: questa è la proposta lanciata da Nathan Toman, parlamentare statunitense in un articolo pubblicato su Inforum il passato 7 agosto. Al token spetterebbe il compito di rilanciare l’economia dello Stato messa a dura prova da una situazione sanitaria ancora molto grave.
Lo stesso Toman, inoltre, ha affermato che la sua idea, quella di un asset blockchain emesso dal governo, partirebbe comunque con un notevole ritardo rispetto alle reali necessità economiche del North Dakota.
Inoltre, una valuta di questo genere, ove ancorata a metalli preziosi o a beni governativi, potrebbe rivelarsi più utile in qualità di riserva di valore che alla stregua di strumento per gli scambi. Mentre potrebbe funzionare in maniera ottimale ove utilizzata in combinazione con prestiti ed investimenti.

Una accoglienza non proprio entusiastica

La proposta di Toman non ha avuto una accoglienza particolarmente  favorevole da parte delle autorità finanziarie. Ancora una volta sembra che la politica e la finanza tradizionale siano in notevole ritardo ad una situazione la quale vede gli asset digitali considerati con sempre maggiore favore da una società che dimostra maggiore propensione all’innovazione.
Un atteggiamento di diffidenza il quale, del resto, sembra rappresentato in maniera abbastanza plastica da Donald Trump. L’attuale inquilino della Casa Bianca, infatti, non ha mai nascosto la sua diffidenza nei confronti della moneta digitale. E, soprattutto, il suo appoggio incondizionato al dollaro. Visto con tutta evidenza come la base indiscussa su cui continua a reggersi la posizione internazionale degli Stati Uniti.

La discussione sul dollaro digitale

In questo quadro, occorre però ricordare come siano sempre di più coloro che guardano con attenzione all’ipotesi di un dollaro digitale. Una idea portata avanti da Digital Dollar Project, la partnership tra Accenture e Digital Dollar Foundation la quale si prefigge di spianare la strada ad una criptovaluta di Stato. Idea che sembra avere come principale obiettivo quello di contrastare lo yuan digitale.

Lo yuan digitale è vicino all’esordio

La CBDC cinese, infatti, è ormai in una fase molto avanzata di test all’interno del territorio nazionale e potrebbe vedere la luce già nel 2021. Ovvero in tempo per essere utilizzato nel corso delle Olimpiadi invernali dell’anno successivo, che si svolgeranno nel Paese orientale.
Nei piani del governo di Pechino proprio lo yuan digitale sarebbe incaricato di svolgere il ruolo di testa d’ariete contro il potere imperiale del dollaro. Una ipotesi che in molti, a Washington, vedono con notevole preoccupazione, proprio alla luce della devastante crisi economica in atto. Coi democratici i quali, non a caso, hanno già citato la possibilità di puntare sulle criptovalute per cercare di porre un argine ad una situazione la quale rischia di finire fuori controllo.

Dario Marchetti

Sono laureato in Lettere e Filosofia alla Sapienza di Roma, con una tesi sul confine orientale d'Italia alla fine della Prima Guerra Mondiale. Ho collaborato con svariati siti su molte tematiche e guidato il gruppo di lavoro che ha pubblicato il CD-Rom ufficiale della S.S. Lazio "Storia di un amore" e "Storia fotografica della Magica Roma".

Post simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button