News Crypto e cryptovalute

Cynthia Lummis nel comitato bancario del Senato

La rappresentate del Wyoming è una nota criptofan

Cynthia Lummis, la prima senatrice degli Stati Uniti a detenere pubblicamente Bitcoin, è stata chiamata a far parte della “Banking, Housing and Urban Affairs Commission” del Senato, considerato un posto chiave per quanto riguarda la regolamentazione finanziaria.
La rappresentante del Wyoming è nota per aver proclamato ormai da tempo il suo appoggio alle risorse digitali. Un orientamento del resto da lei stessa confermato, quando ha detto che intende formare un comitato per l’innovazione finanziaria con il preciso fine di istruire i suoi colleghi senatori sulle tecnologie finanziarie emergenti.

Cynthia Lummis - Cynthia Lummis nel comitato bancario del Senato
Republican Conference Chairman Rep. Liz Cheney speaks during a press conference with House Minority Leader Rep. Kevin McCarthy , right, and Republican Whip Rep. Steve Scalise at the US Capitol on Dec. 17, 2019.

Le dichiarazioni di Cynthia Lummis

La stessa senatrice ha commentato la sua nomina affermando di essere intenzionata a sfruttare il suo nuovo ruolo per puntare i riflettori sugli sforzi pionieristici di coloro che lavorano nel settore delle criptovalute e lavorare con le autorità di regolamentazione federali nel preciso intento di garantire che la regolamentazione delle risorse digitali sia strutturata per incoraggiare l’innovazione, invece di soffocarla.
Aggiungendo di non vedere l’ora di fornire un sollievo normativo alle banche comunitarie disseminate lungo il Paese e di garantire che possano contare su mercati finanziari non solo vivaci, ma anche sicuri.

Cynthia Lummis propone un caucus sull’innovazione finanziaria

Cybthia Lummis è stata anche accolta da Anthony Pompliano nel suo ormai famoso podcast. Ove ha provveduto ad un altro annuncio, quello relativo alla formazione di un caucus sull’innovazione finanziaria al Senato. Al quale spetterà il compito di promuovere una corretta comprensione e una regolamentazione responsabile relativa alle risorse digitali e alle tecnologie finanziarie emergenti.
In particolare, questo caucus si assumerebbe l’onere di contrastare l’idea che il denaro digitale sia uno strumento perfetto per l’economia criminale. Una tesi rilanciata dal nuovo segretario al Tesoro dell’amministrazione Biden, Janet Yellen, in una recente audizione parlamentare.

Il contraltare repubblicano di Janet Yellen?

Proprio il raffronto con Janet Yellen potrebbe essere il leit motiv della sua esperienza al Senato. E’ stata la stessa Lummis ad affermare di essersi già confrontata con il segretario al Tesoro, riscontrando un atteggiamento sanamente scettico sugli asset digitali.
Lo ha fatto nel corso di una telefonata, circostanza riferita durante The Pomp Podcast, che suona alla stregua del primo atto di una frequentazione la quale potrebbe in effetti diventare assidua.

Cosa potrebbe accadere ora

I prossimi passi di Cynthia Lummis sembrano già essere stati prefissati. E’ stata proprio lei ad affermare di voler perseguire il varo di uno spazio maggiore per l’innovazione negli Stati Uniti. Tra le aree che potrebbero formarlo un posto di tutto riguardo spetta alle stablecoin, a partire da Diem, il progetto di Facebook che pure ha trovato grossi ostacoli nel precedente quadriennio. In particolare da Maxine Waters, che non ha mancato di evidenziare la sua contrarietà al progetto di Mark Zuckerberg.
La sua traiettoria politica, però, potrebbe in particolare intersecarsi con un’altra grande questione che aleggia sullo sfondo a stregua di convitato di pietra. Ovvero quella relativa ad una CBDC (Central Bank Digital Currency) statunitense. Il progetto del dollaro digitale, infatti, non ha fatto passi in avanti nel corso degli ultimi mesi. A differenza dello yuan digitale, ormai sulla rampa di lancio. Un ritardo cui ora potrebbe cercare di rimediare proprio la Lummis, dando nuovo impulso al Digital Dollar Project. Resta da capire se non sia però già troppo tardi per contrastare la Cina.

Comprare Criptovalute? Exchange Binance Binance

Dario Marchetti

Sono laureato in Lettere e Filosofia alla Sapienza di Roma, con una tesi sul confine orientale d'Italia alla fine della Prima Guerra Mondiale. Ho collaborato con svariati siti su molte tematiche e guidato il gruppo di lavoro che ha pubblicato il CD-Rom ufficiale della S.S. Lazio "Storia di un amore" e "Storia fotografica della Magica Roma".

Post simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button