News Crypto e cryptovalute

Dogecoin è il token delle classi popolari, secondo Su Zhu, CEO di Three Arrows Capital

L'opinione è stata espressa nel corso di una puntata di The Game Theory of Crypto Podcast

Se nel corso delle ultime settimane Dogecoin non è andato bene, l’attenzione sul token ispirato ad un cane Shiba Inu continua ad essere molto forte, anche a livello mediatico. Tanto da ispirare un lungo elenco di progetti analoghi i quali puntano a ripeterne le gesta, magari confidando anche sulla confusione creata dalla somiglianza con il capostipite.
In particolare, nel corso delle ultime ore DOGE ha incassato due autorevoli appoggi, da parte di personaggi di spicco del mondo criptografico. A conferma del fatto che il progetto sembra ancora oggi destinato ad un grande futuro.

dogecoin - Dogecoin è il token delle classi popolari, secondo Su Zhu, CEO di Three Arrows Capital

Su Zhu: Dogecoin è il token delle classi popolari

Secondo Su Zhu, CEO di Three Arrows Capital, Dogecoin sarebbe il token delle classi popolari. Aggiungendo che chiunque può possederne delle quantità e che sarebbe ben quattro volte più popolare di Ethereum.
Giudizi quindi molto lusinghieri, che sono peraltro supportati da una notevole mole di dati, tali da confermare il notevole feeling tra DOGE e i trader. In particolare quelli che operano su Robinhood, ove addirittura il 62% delle entrate in criptovalute della piattaforma riguarda l’ormai celebre meme coin inventato da Billy Marcus e Jackson Palmer. Le dichiarazioni sono state rilasciate nel corso di un’intervista realizzata da “The Game Theory of Crypto Podcast” e sono andate ad intrecciarsi con un altro autorevole endorsement, quello di  Jenny Q. Ta, trapelato nelle ultime ore.

Le dichiarazioni di Jenny Q. Ta

Nel corso di una articolata intervista rilasciata a Decrypt, Jenny Q. Ta ha affermato di essere attratta da Dogecoin per una serie di buone ragioni. A partire dal fatto che il token sembra sicuro e costituisce uno strumento a basso rischio per chi intende iniziare ad investire nelle criptovalute.
Ha poi voluto mettere in risalto la vera specialità del celebre meme coin, ovvero il suo essere una sorta di divertimento. Chiaro riferimento allo spirito di una comunità che sembra intenzionata a coltivare soprattutto il lato ludico di Dogecoin. Come ha del resto fatto il suo principale sostenitore, ovvero Elon Musk, coi suoi ripetuti tweet di sostegno al progetto.
Inoltre il token rappresenta un valido strumento per avvicinare i più piccoli agli asset digitali, magari acquistandone piccoli quantitativi, come è solito fare Mark Cuban con i propri figli. Motivi che hanno spinto lei stessa a diventare una evangelista di Dogecoin.

Chi è Jenny Q. Ta?

Jenny Q. Ta è nota nello spazio cripto soprattutto per la decisione di lanciare CoinLinked, nel maggio del 2020. Il suo nome è tornato d’attualità negli ultimi giorni, in quanto proprio lei ora andrà a dirigere HODL Assets, dopo la decisione di trasferire l’azienda dal Sudafrica a San Francisco. Per capire meglio la sua figura occorre aggiungere che si tratta di una grande sostenitrice del denaro digitale, la quale vanta oltre 120mila followers su Twitter.
Veterana di Wall Street e fondatrice della società di investimento Titan Securities e del broker-dealer Vantage Investments, si è convertita alla crittografia l’anno scorso, lanciando appunto CoinLinked. Da lei descritta alla stregua di una “soluzione blockchain decentralizzata tesa a connettere i mercati tradizionali di oggi con le valute digitali di domani.”
Occorre però anche sottolineare come la stessa Ta abbia voluto nelle sue interviste mettere ripetutamente in guardia gli investitori. In particolare invitandoli a non esporsi troppo, rischiando di conseguenza il crac finanziario. Dichiarazioni che rientrano proprio nel suo ruolo pubblico, nel quale cerca di esercitare al meglio un principio di responsabilità personale.

Comprare Criptovalute? Exchange Binance Binance

Dario Marchetti

Sono laureato in Lettere e Filosofia alla Sapienza di Roma, con una tesi sul confine orientale d'Italia alla fine della Prima Guerra Mondiale. Ho collaborato con svariati siti su molte tematiche e guidato il gruppo di lavoro che ha pubblicato il CD-Rom ufficiale della S.S. Lazio "Storia di un amore" e "Storia fotografica della Magica Roma".

Post simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button