News Crypto e cryptovalute

Dogecoin riprende la sua corsa dopo il calo verificatosi in coincidenza di un tweet di Elon Musk

Il fondatore di Tesla ha perso il suo tocco magico?

L’ennesimo tweet di Elon Musk, a dire il vero abbastanza criptico, è coinciso con una notevole flessione di Dogecoin, durata alcune ore. Un evento doppiamente significativo: da una parte va ad interrompere una tendenza favorevole per il meme coin, dall’altro arriva in coincidenza con l’ennesima crescita di Shiba Inu, ormai considerato il Doge Killer per eccellenza.
Tanto che in molti, in queste ore, si stanno chiedendo di conseguenza se il tocco magico di Elon Musk sia andato disperso e, soprattutto, se non si sia rotto il binomio tra il miliardario di origini sudafricane e il suo token preferito.

dogecoin - Dogecoin riprende la sua corsa dopo il calo verificatosi in coincidenza di un tweet di Elon Musk

Il tweet di Elon Musk

Il messaggio affidato a Twitter da parte di Elon Musk sembra in effetti di difficile interpretazione, non essendo corredato da parole in grado di chiarire l’arcano. In contemporanea con il messaggio del fondatore di Tesla, Dogecoin ha però iniziato a scendere e tanto è bastato a molti osservatori per dichiarare concluso l’idillio tra Musk e il token.
Una conclusione tale da sembrare però al minimo prematura, soprattutto considerato come poi il token abbia ripreso la sua corsa, in maniera sostenuta. Anche perché proprio in queste ore la questione più importante è rappresentata dall’aggiornamento 1.14.4 sui nodi. Il quale deve essere effettuato da tutti quelli che partecipano alla rete di DOGE.

L’aggiornamento 1.14.4 comporta un calo delle commissioni

In effetti, la questione relativa all’aggiornamento è in questo momento molto più importante dei tweet di Elon Musk. Tanto da essere stata supportata da una serie di messaggi di Billy Markus, ovvero colui che insieme a Jackson Palmer ha avviato il progetto, per poi rinnegarlo.
E’ stato proprio lui a twittare ripetutamente, invitando i nodi ad aggiornarsi. Ricordando che non si tratta di una questione secondaria, alla luce del fatto che proprio ad essi spetta il compito di mantenere la rete in funzione, di convalidare le transazioni e di tenere aggiornata la blockchain. In particolare, con questo aggiornamento verrebbe ad essere ritoccato il costo delle commissioni, al ribasso.

La mossa di AMC

L’importanza di un abbassamento delle commissioni di Dogecoin non è questione di lana caprina. Proprio di recente, infatti, la compagnia AMC ha annunciato la decisione di consentire i pagamenti con il token all’interno delle sue sale cinematografiche, utilizzando all’uopo il sistema fornito da BitPay.
Una decisione, quella presa da Adam Aron, il CEO di AMC Entertainment Holdings, arrivata dopo un sondaggio al quale ha partecipato con tutta la sua forza anche la comunità dei fans del meme coin. Dando vita ad un risultato tale da andare ben oltre le attese dello stesso Aron.
Da sottolineare anche il fatto che prima della decisione di indire questo sondaggio, Elon Musk avesse twittato un messaggio in cui invitava ad abbattere l’entità delle commissioni. In modo tale da favorire l’introduzione dei pagamenti in DOGE all’interno di varie strutture commerciali. A partire proprio dalle sale cinematografiche.

Potrebbe presto infuriare la battaglia tra DOGE e SHIBA?

Il momentaneo calo di Dogecoin e la crescita di Shiba Inu hanno naturalmente rinfocolato le voci di un prossimo duello all’arma bianca tra i due campioni dei meme coin. Se attualmente la battaglia è ancora impari, considerato come DOGE sia al 10° posto della classifica di CoinMarketCap, con una capitalizzazione di mercato superiore ai 32 miliardi di dollari, il triplo rispetto a SHIB, a sua volta attestato al 19°, va però considerato che il ritmo di crescita del secondo è molto più accelerato nel medio periodo. Tanto da spingere molti a prefigurare una battaglia già nel corso dei prossimi mesi.

Comprare Criptovalute? Exchange Binance Binance

Dario Marchetti

Sono laureato in Lettere e Filosofia alla Sapienza di Roma, con una tesi sul confine orientale d'Italia alla fine della Prima Guerra Mondiale. Ho collaborato con svariati siti su molte tematiche e guidato il gruppo di lavoro che ha pubblicato il CD-Rom ufficiale della S.S. Lazio "Storia di un amore" e "Storia fotografica della Magica Roma".

Post simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button