News Crypto e cryptovalute

Eurochain la sfida della Banca Centrale Europea a Libra

La BCE vuole lanciare un progetto molto simile a quello di Libra, per contrastare il progetto di Facebook, questo prende il nome di Eurochain. 

Adesso è solo una ricerca di varie soluzioni basate sulla DLT che possono essere applicate nel settore delle infrastrutture per i pagamenti, e che si potrebbe appoggiare a dei servizi esistenti presenti già in alcune banche centrali.

Eurochain in realtà, parte da aprile del 2018, quando un gruppo di ricercatori inizio a valutare e studiare l’impiego della DLT e dei vari prototipi di pagamento. L’obbiettivo secondo quanto dichiarato dalla Banca Centrale Europea è realizzare un sistema di pagamento centralizzato e semplice per tutte le valute digitali delle varie banche centrali.

Con questo sistema sarebbe possibile innanzi tutto salvaguardare la privacy dei vari utenti e successivamente assicurerebbe anche i controlli su crimini quali l’antiriciclaggio, specie in caso di trasferimenti di denaro sospetti e cospicui.

In poche parole la Eurochain sarebbe in grado di offrire tutta la sicurezza e la conformità alle regole che invece Libra di Facebook al momento, specie nell’ambito della privacy, non potrebbe offrire.

E la questione della privacy è molto importante, specie se si pensa allo scandalo di Cambridge Analytica e dei dati lasciati trapelare proprio da Facebook.

Inoltre, la Eurochain prevederebbe una moneta controllata dalle banche centrali, e supererebbe uno degli altri problemi di Libra ossia l’essere controllata interamente da un privato.

Al momento comunque, il comunicato diramato dalla Banca Centrale Europea afferma che: le iniziative intraprese dalla BCE non devono né scoraggiare ne affollare le iniziative da parte dei privati per la creazione di sistemi per il pagamento veloce ed efficiente nella zona euro.

Insomma questo progetto si presenta al quanto ambiguo verso le varie iniziative private, delle quali comunque sarebbe un competitor diretto. 

La nuova Eurochain viene definita dalla BCE con determinate caratteristiche quali: lo stesso valore e caratteristiche della moneta unica, il funzionamento tramite intermediari collegati alla BCE, la collateralizzazione con le riserve custodite dalla BCE, l’affidamento in toto alla Banca Centrale in caso d’immissione e rimozione sul mercato, attivazione di un’autorità per i controlli sull’antiriciclaggio.

Dunque, la moneta sarebbe completamente di tipo centralizzato, come è in progetto per Libra di Facebook. I progetti dunque, sembrano avere molto analogie come lo sfruttamento di una blockchain

In ogni caso al momento resta una differenza sostanziale ossia che la Banca Centrale Europea opererebbe come gestore completamente pubblico, mentre Libra ha e avrà sempre un gestore privato, che anche se sottoposto a una specifica regolamentazione cercherà in ogni modo di perseguire degli obbiettivi legati al business e non all’interesse comune. 

Per la Banca Centrale Europea però l’istituzione di Eurochain sembra una strada obbligatoria, in quanto sono diverse le entità a livello statale, come la Cina, che stanno per lanciare la loro valuta digitale, già in fase in test. Quindi non può rimanere indietro, e deve obbligatoriamente mettersi al pari delle altre potenze economiche mondiali. 

Comprare Criptovalute? Exchange Binance Binance

Silvia Faenza

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali all'Università del Salento, nel 2014. Dal 2015 si occupa della gestione dei contenuti per aziende e agenzie editoriali online, principalmente in qualità di ghostwriter, copywriter e web editor.

Post simili

Back to top button