News Crypto e cryptovalute

George Soros ha investito in Bitcoin

Sembra sfumata l'originaria diffidenza del finanziere sulle criptovalute

L’ennesima conversione sulla Via di Damasco, ovvero a favore del Bitcoin, sembra destinata a far rumore. A mutare la sua originaria contrarietà nei confronti dell’icona crypto attribuita a Satoshi Nakamoto è infatti George Soros.
A rivelare il suo investimento in tal senso è stato Dawn Fitzpatrick, nel corso di una intervista rilasciata a Bloomberg. Nella quale il CEO del Soros Fund Management ha rivelato il possesso di un certo quantitativo di criptovalute. Una ammissione che va in pratica a confermare le voci le quali circolavano ormai da tempo su un investimento massiccio del fondo in Bitcoin e altri token.

George Soros - George Soros ha investito in Bitcoin

Il mandato di Soros per l’acquisto di asset digitali

La rivelazione di Fitzpatrick è tale sino ad un certo punto. All’inizio dell’anno, infatti, il magnate di origini ungheresi aveva dato mandato ad Adam Fischer, il gestore di fondi che sovrintende ai grandi investimenti del Soros Fund Management, per iniziare una strategia graduale in tal senso.
Secondo gli analisti, però, proprio quanto affermato sarebbe alla base del grande rialzo del Bitcoin, il quale proprio nelle ore successive ha toccato quota 55mila dollari. Consolidando in tal modo il recupero fatto registrare nel corso dell’ultima settimana, un +25,34% che potrebbe essere il prologo ad una ulteriore crescita.

I rapporti di Soros con le criptovalute

George Soros deve la sua grande notorietà ai suoi raid contro sterlina e lira, all’inizio degli anni ’90. Quando operando allo scoperto affossò in pratica le due valute, costringendo in particolare la nostra valuta ad uscire dallo SME. E Giuliano Amato a dare vita all’ormai celebre prelievo forzoso dai conti correnti degli italiani, teso ad ovviare alle perdite causate dalle scorrerie di Soros.
Con l’inizio del millennio, però, ha dato vita ad un vero e proprio restyling della sua immagine. In particolare proponendosi come alfiere di battaglie “progressiste”. E proprio in questa nuova veste si è trovato ad incrociare le criptovalute. Rendendo molto chiaro il suo giudizio negativo sulle stesse nel corso di una conferenza internazionale del 2018. All’interno della quale ebbe modo di affermare che, almeno secondo lui, si trattava semplicemente di una bolla speculativa.

Un parere che ora sembra essere mutato

Ora, però, come confermato dalle parole di Fitzpatrick, il suo originario parere sembra essere mutato del tutto. Come dimostrano le sue parole sul Bitcoin Ban di Pechino, da lui definito un errore di portata storica. Nella sua conversione, del resto, Soros non è certo solo. Basti pensare ad esempio a Jamie Dimon, il CEO di JP Morgan, il quale solo qualche anno fa affermava di ritenere il Bitcoin una truffa e l’intenzione di licenziare i traders della sua banca ove soltanto avessero provato a commerciarlo. Oggi non solo l’azienda bancaria da lui diretta tratta BTC per conto dei clienti, ma usa un token come JP Coin.

L’accettazione di Bitcoin da parte della grande finanza è ormai un dato di fatto

Gli esempi di esponenti di rilievo della grande finanza che hanno mutato la loro posizione potrebbero proseguire con altri nomi, a partire da quello di Ray Dalio. Il quale ora ha addirittura ribaltato i termini della questione, affermando che ad essere spazzatura è il denaro contante.
Quello che però balza agli occhi è il fatto che proprio questo mutamento di opinioni potrebbe in definitiva preludere a quello considerato fondamentale da parte dello spazio crypto. Ovvero il cambio di orientamento della politica, la quale sembra invece ancora attardarsi in una sterile opposizione a quello che sembra ormai un vero e proprio dato di fatto.

Comprare Criptovalute? Exchange Binance Binance

Dario Marchetti

Sono laureato in Lettere e Filosofia alla Sapienza di Roma, con una tesi sul confine orientale d'Italia alla fine della Prima Guerra Mondiale. Ho collaborato con svariati siti su molte tematiche e guidato il gruppo di lavoro che ha pubblicato il CD-Rom ufficiale della S.S. Lazio "Storia di un amore" e "Storia fotografica della Magica Roma".

Post simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button