News Crypto e cryptovalute

In arrivo una tassa sul mining di Bitcoin Cash

BCH - In arrivo una tassa sul mining di Bitcoin Cash

La proposta di elevare una tassa sul mining di Bitcoin Cash, nell’ordine del 12,5%, sta provocando in queste ore la decisa reazione negativa della comunità che si raggruppa intorno a questa criptovaluta. A lanciarla sono state alcune personalità come Roger Ver, il CEO di Bitcoin.com, e Jihan Wu, pari grado di Bitmain, sotto forma di un piano per il finanziamento dell’infrastruttura, a seguito del quale i miner sarebbero costretti a donare il 12,5% di tutti i proventi derivanti dall’attività di calcolo per l’estrazione dei token ad un’entità con sede a Hong Kong, al quale sarebbe demandato il compito di coordinare le operazioni di sviluppo del sistema.

La ratio della proposta

Secondo i promotori dell’iniziativa, dare vita ad una soluzione di questo genere, sfruttando cioè i profitti dei miner, al fine di finanziare i lavori tesi al rafforzamento tecnico del progetto, rappresenterebbe una operazione in grado di dare risultati migliori rispetto all’ipotesi di reperire fondi da imprenditori e gruppi interessati, come fa ad esempio attualmente Blockstream per Bitcoin.
Il piano dovrebbe scattare nel prossimo maggio e si prevede che duri un semestre, nel corso del quale si prevede la raccolta di sei milioni di dollari, i quali verrebbero appunto affidati ad una società di stanza a Hong Kong.
La notizia è stata data da Jiang Zhuoer, CEO della mining pool Btc.top, che ha svelato anche come il piano abbia trovato consensi anche da parte di Jihan Wu, che gestisce le pool Antpool e BTC.com, di Haipo Yang, figura di punta di ViaBTC e di Roger Ver. Le persone in questione e le strutture da esse rappresentate costituiscono attualmente il 27% dell’hash rate di Bitcoin Cash.

Cosa accadrà: i timori degli oppositori

Va peraltro sottolineato come a destare le maggiori preoccupazioni della comunità raggruppata intorno a BCH sia la parte del piano che prevede l’abbandono dei blocchi di coloro che non dovessero aderirvi, escludendoli dalla blockchain.
Il fatto è che questa fazione è mossa non soltanto dal timore di veder ridotti i propri introiti, ma anche da eccezioni di carattere ideologico. A partire da quella in base alla quale la società cui sarebbero affidati i fondi non sarebbe una fondazione senza scopo di lucro, ma una azienda privata. In tal modo, in pratica, potrebbero venire meno i presupposti di decentralizzazione che sono tipici delle criptovalute.
Va poi sottolineato come l’assenza di un qualsiasi tipo di procedura di voto spazzerebbe via qualsiasi afflato democratico di Bitcoin Cash, i cui sviluppi futuri andrebbero a dipendere esclusivamente dalla volontà dei proprietari della compagnia.

Le possibili interferenze del governo cinese

Un altro aspetto collegato al piano annunciato è poi quello relativo alle possibili interferenze del governo cinese. Ipotesi vista come il fumo negli occhi da chi intende le monete virtuali come una entità alternativa alla finanza tradizionale e come il possibile fulcro di un sistema monetario sganciato dalle autorità governative.
Una lunga serie di timori che non sono stati fugati neanche da Jiang Zhuoer nel corso della sessione AMA (Ask Me Anything, “Chiedermi qualsiasi cosa”) dedicata su Reddit a quanto sta accadendo. Il CEO di Btc.top si è infatti mantenuto molto sul vago, affermando che i dettagli dell’operazione sarebbero ancora in discussione. Una volta decisi, però, il piano dovrebbe senz’altro partire, senza che gli oppositori possano far valere le loro ragioni.

Comprare Criptovalute? Exchange Binance Binance

Dario Marchetti

Sono laureato in Lettere e Filosofia alla Sapienza di Roma, con una tesi sul confine orientale d'Italia alla fine della Prima Guerra Mondiale. Ho collaborato con svariati siti su molte tematiche e guidato il gruppo di lavoro che ha pubblicato il CD-Rom ufficiale della S.S. Lazio "Storia di un amore" e "Storia fotografica della Magica Roma".

Post simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button