News Bitcoin

Jerome Powell: la FED non intende bandire il Bitcoin

La Federal Reserve non è intenzionata a seguire la Cina

Secondo Jerome Powell, presidente della FED, non ci sarebbe alcuna intenzione di bandire il Bitcoin, seguendo le orme della Cina. Il numero uno della Federal Reserve lo ha puntualizzato nel corso di una audizione presso il Comitato della Camera sui servizi finanziari. La quale era stata convocata con l’intento di esaminare la risposta data da Dipartimento del Tesoro e FED di fronte alla situazione creata dalla pandemia di Covid.
La risposta di Powell è arrivata su una sollecitazione di Ted Budd, rappresentante repubblicano della North Carolina. E sembra poter porre fine, almeno per il momento, alle tante voci che si sono rincorse nel corso degli ultimi mesi, relative alla possibilità di un Bitcoin Ban da parte del governo di Washington.

Bitcoin 1 - Jerome Powell: la FED non intende bandire il Bitcoin

Le dichiarazioni di Jerome Powell

Ted Budd, nel porgere la sua domanda a Powell, aveva fatto riferimento alle dichiarazioni rilasciate dal presidente della Federal Reserve nel corso di una sua precedente audizione. In quella occasione, però, si era accennato alle stablecoin, non alle criptovalute. Ritenute da Powell alla stregua dei depositi bancari e che, di conseguenza, dovrebbero essere regolamentate allo stesso modo.
Aggiungendo che le stablecoin, a partire da Tether , sono risorse digitali progettate con il preciso intento di raggiungere la parità con una valuta fiat. Le operazioni collegate a Tether, però, creano una certa inquietudine in quanto USDT non è completamente supportato da dollari statunitensi in una banca, bensì da un mix di dollari reali e altre attività, incluso il debito sotto forma di carta commerciale. Una situazione che può reggere in tempi normali, ma non certo ove scoppiasse una crisi. In quel caso molte persone potrebbero chiedere indietro i propri soldi. Innescando una situazione estremamente pericolosa.

Regolamentare, non bandire

Proprio la possibilità che possa accadere un evento di questo genere, deve essere affrontato preventivamente dalle istituzioni. Cercando di regolamentare al meglio il settore, facendo in modo che i risparmiatori possano avere la garanzia di riavere indietro i loro soldi in qualsiasi momento.
Una opinione la quale è stata del resto condivisa da Cynthia Lummis, la senatrice repubblicana del Wyoming nota per la sua fede in Bitcoin e denaro digitale. Secondo la quale si renderebbe necessario fare in modo che le stablecoin possano essere emesse esclusivamente da istituti di deposito o attraverso fondi del mercato monetario e altri strumenti analoghi. Aggiungendo poi che devono essere supportate al 100% da denaro contante ed equivalenti. Mettendo in campo controlli regolari tesi a verificare che tutto sia regolare.

Il regolamento sulle stablecoin è in dirittura d’arrivo

Le parole di Powell giungono in prossimità della pubblicazione del nuovo regolamento riguardante proprio le stablecoin. Il presidente della Federal Reserve, infatti, ha lavorato di concerto con il segretario al Tesoro Janet Yellen su una bozza che dovrebbe vedere la luce nel corso delle prossime due settimane.
La quale, però, non dovrebbe andare a toccare gli asset più volatili, a partire Bitcoin e Ethereum. Uno scrupolo che invece non si è posta la Cina, con il suo Bitcoin Ban. Del quale si continua a discutere, come è del resto logico.
La mossa della People’s Bank of China è stata infatti commentata anche da Elon Musk, durante la recente Code Conference tenuta in California. Nel corso della quale il CEO di Tesla ha affermato che con ogni probabilità il governo di Pechino ha inteso porre un argine contro i pericoli del mining. Il quale ha messo a repentaglio gli obiettivi di risanamento ambientale del gigante orientale, spingendolo ad un atto apparentemente estremo.

Comprare Criptovalute? Exchange Binance Binance

Dario Marchetti

Sono laureato in Lettere e Filosofia alla Sapienza di Roma, con una tesi sul confine orientale d'Italia alla fine della Prima Guerra Mondiale. Ho collaborato con svariati siti su molte tematiche e guidato il gruppo di lavoro che ha pubblicato il CD-Rom ufficiale della S.S. Lazio "Storia di un amore" e "Storia fotografica della Magica Roma".

Post simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button