News Crypto e cryptovalute

JPMorgan offre ai clienti il trading di criptovalute

L'opzione era possibile in precedenza solo a pochi clienti

Stando alle ultime notizie, fornite da Business Insider, la conversione di JPMorgan Chase sulle criptovalute è ora completa. La banca d’affari statunitense, infatti, avrebbe offerto a tutti i propri clienti la possibilità di fare trading sugli asset digitali, la stessa che era sinora riservata a pochi di essi. La novità è contenuta in un promemoria che è stato inviato ai consulenti della banca, in base al quale ora possono prendere ordini su cinque prodotti crittografici. Quattro di essi fanno riferimento a Grayscale Investments (Bitcoin Trust, Bitcoin Cash Trust, Ethereum Trust ed Ethereum Classic), mentre il quinto, Bitcoin Trust, è gestito da Osprey Funds. Gli stessi consulenti non potranno consigliare i loro clienti, ma potranno comunque espletare eventuali ordini da parte della stessa. Si tratta di una novità di non poco conto, considerate le posizioni iniziali di JPMorgan Chase sul denaro virtuale.

JPMorgan Chase - JPMorgan offre ai clienti il trading di criptovalute

JPMorgan: un notevole mutamento di rotta

Sino a questo momento, i clienti di JPMorgan Chase aveva riservato il trading sulle criptovalute esclusivamente ai clienti patrimoniali privati. Una concessione la quale, peraltro, era stata abbastanza clamorosa, se si considerano i burrascosi rapporti di Jamie Dimon, il CEO della banca d’affari, con il Bitcoin. Da lui definito qualche anno fa alla stregua di una vera e propria truffa. Tanto da spingersi ad ammonire i consulenti a non trattarlo, pena il licenziamento immediato. Con il tempo questa posizione si è decisamente annacquata e la stessa banca ne ha preso atto. Tanto da arrivare ad un proprio token, JP Coin, una stablecoin ancorata al dollaro utilizzata per i pagamenti istituzionali della propria clientela.

Perché JPMorgan ha cambiato completamente le proprie posizioni?

Il rovesciamento delle posizioni di JPMorgan sulle criptovalute ha naturalmente indotto molti analisti a chiedersi a cosa esso sia dovuto. Va sottolineato come ancora il 30 novembre passato, un rapporto dei suoi analisti avesse espresso forti dubbi sulla possibilità di una trasformazione del Bitcoin in oro digitale. Legandola in particolare al particolare ruolo assunto dal Grayscale Bitcoin Trust nel quadro di un interesse istituzionale verso BTC.
Mentre un altro studio elaborato all’interno della banca, stavolta ad opera di Nikolaos Panigirtzoglou, aveva a sua volta affermato all’inizio di giugno che il momento di debolezza dell’icona crittografica era tutt’altro che terminato.
Pareri i quali, a quanto pare, non hanno però avuto ricadute sulla strategia decisa dalla banca. La quale ha optato per l’ampliamento dell’offerta di criptovalute alla clientela, ritenendo con tutta evidenza che esse possano essere un asset interessante.

Dopo JPMorgan toccherà anche alle altre?

La decisione di JPMorgan è stata seguita da un notevole clamore. Soprattutto perché una mossa di questo genere potrebbe presto costringere la concorrenza a rispondere, aprendo a sua volta agli asset digitali. I quali si potrebbero giovare enormemente dalla nuova situazione.
L’interesse degli investitori istituzionali è in effetti molto importante e potrebbe consentire alle criptovalute di dismettere quella fama ancora dubbia che continua a zavorrarle. Trasformandole in definitiva in uno dei tanti asset da investimento che possono trovare posto all’interno di un portafogli istituzionale. Trovando in tal modo anche riparo dai furori di una politica la quale, al contrario, continua a guardare verso di essi con malcelata diffidenza. Come dimostrano del resto i continui attacchi provenienti da alcuni settori del governo federale, che si sono intensificati nel corso degli ultimi mesi.

Comprare Criptovalute? Exchange Binance Binance

Dario Marchetti

Sono laureato in Lettere e Filosofia alla Sapienza di Roma, con una tesi sul confine orientale d'Italia alla fine della Prima Guerra Mondiale. Ho collaborato con svariati siti su molte tematiche e guidato il gruppo di lavoro che ha pubblicato il CD-Rom ufficiale della S.S. Lazio "Storia di un amore" e "Storia fotografica della Magica Roma".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button