News Blockchain

La Dinamo Kiev si affida alla blockchain

Siglato un accordo tra la squadra ucraina e Moonwalk

La blockchain continua ad espandersi in un settore, quello calcistico, alla continua ricerca di nuove fonti di finanziamento. Una tendenza resa ancora più impellente dalla chiusura degli stadi resa necessaria dall’opera di contrasto al Covid, la quale ha in pratica tolto di mezzo gli incassi del botteghino. Per cercare di attenuarne i danni, sono sempre di più le squadre che decidono di interagire coi propri fans in maniera innovativa. A partire proprio dall’utilizzo della tecnologia dei registri distribuiti, sempre più in voga nel settore sportivo.

Dinamo Kiev - La Dinamo Kiev si affida alla blockchain

La Dinamo Kiev è la prima squadra ucraina a rivolgersi alla blockchain

Tra i sodalizi calcistici che hanno optato per la blockchain c’è ora anche la Dinamo Kiev, squadra ucraina molto nota anche a livello europeo. Una notorietà derivante in particolare per aver trionfato in due edizioni della Coppa delle Coppe ed essersi aggiudicata una Supercoppa europea, quando ancora faceva parte della federazione calcistica sovietica. Guidata all’epoca sul campo da Oleg Blochin, Pallone d’Oro nel 1975, e allenata da Valerij Lobanovs’kyj. Nella sua nutrita bacheca il team vanta anche 13 campionati dell’URSS e 15 ucraini, 9 coppe dell’Unione Sovietica e 12 ucraine, 3 Supercoppe sovietiche e 9 ucraine.

L’accordo con Moonwalk

A permettere l’accesso della Dinamo Kiev alla blockchain sarà l’azienda Moonwalk, una startup con la quale ha firmato un accordo teso alla creazione di un’economia digitale incentrata sul coinvolgimento dei fan.
In pratica la piattaforma messa disposizione dall’azienda permetterà ai tifosi di guadagnare gettoni in base alla loro interazione con la squadra. I quali potranno poi essere spesi all’interno nello Stadio Olimpico di Kiev, nel suo mercato digitale o al fine di acquistare oggetti da collezione digitali, disponibili esclusivamente per loro. La partecipazione degli appassionati potrà essere misurata attraverso una serie di azioni sociali. Categoria in cui rientrano ad esempio la riproduzione di giochi predittivi o il coinvolgimento nelle piattaforme social della Dinamo.

Le dichiarazioni di Greg Consiglio

A commentare l’accordo con il team ucraino, per Moonwalk, è stato Greg Consiglio, co-fondatore e CEO della startup. Secondo il quale l’intento alla base dello stesso è la creazione di un modello di interazione fondato su blockchain e asset digitali in grado di premiare i fans più votati all’innovazione finanziaria. Un modello tanto più necessario in un momento in cui le esigenze di carattere sanitario rendono effettivamente difficile stabilire un reale contatto tra squadre e tifoserie.

Sono sempre più frequenti i contatti tra calcio e blockchain

La Dinamo Kiev è soltanto l’ultimo nome in un elenco il quale continua ad allungarsi di giorno in giorno. Sono infatti ormai centinaia le squadre di football che stringono accordi con aziende blockchain, con il chiaro intento di capitalizzare la propria base di tifosi. Sodalizi dei tornei europei più famosi come la Premier League, la Liga, la Serie A, la Ligue 1 o la Bundesliga, cui ora si vanno ad aggiungere le squadre più note di quelli meno importanti.
Le aziende più attive in tal senso sono Sorare, che ha trasferito su piattaforma DLT il popolare gioco del Fantacalcio, e Socios, che punta invece a monete virtuali che i tifosi possono spendere sulla sua piattaforma Chiliz. Molti altri attori si stanno però muovendo con il preciso intento di riuscire a sfruttare una base come quella dei tifosi di calcio. La quale vanta centinaia di milioni di appassionati dislocati in ogni angolo del globo.

Comprare Criptovalute? Exchange Binance Binance

Dario Marchetti

Sono laureato in Lettere e Filosofia alla Sapienza di Roma, con una tesi sul confine orientale d'Italia alla fine della Prima Guerra Mondiale. Ho collaborato con svariati siti su molte tematiche e guidato il gruppo di lavoro che ha pubblicato il CD-Rom ufficiale della S.S. Lazio "Storia di un amore" e "Storia fotografica della Magica Roma".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button