News Bitcoin

Le aziende pubbliche detengono oltre 6 miliardi di dollari in Bitcoin

Molte aziende pubbliche sono ottimiste nei confronti del Bitcoin come investimento. Il 2020 è l’anno in cui il Bitcoin è ‘ufficialmente’ approvato da molte imprese pubbliche e investitori istituzionali.

Secondo l’analisi Coin98 il dominio di Grayscale, uno dei principali investitori istituzionali, è stato messo in discussione da altre società quotate sul mercato borsistico, le quali stanno cercando di acquisire una quota di Bitcoin.

bitcoin aziende pubbliche - Le aziende pubbliche detengono oltre 6 miliardi di dollari in Bitcoin

Bitcoin e aziende pubbliche

L’analisi Coin98 mette in evidenza che circa 13 società quotate in borsa hanno investito in Bitcoin. In data 9 ottobre, CoinShare deteneva 69.730 Bitcoin in totale. In terza posizione MicroStrategy deteneva 38.250 Bitcoin come parte del suo piano di emergenza.

In quarta posizione Galaxy Digital con 16.551 Bitcoin. Il rimanente è diviso così: 3IQ Digital asset management detiene 8.295, BTCe 5.215 BTC, Square 4.709 Bitcoin, HUT 8 con 2.954 BTC, Voyager con 1.239, IOT Blockchain con 1.053, Digital X con 215, CypherPunk Holdings con 204 Bitcoins e Argo con 126 Bitcoin.

Bitcoin è stato scambiato a 11.395,56 dollari dopo essere sceso di circa lo 0,1% nelle ultime 24 ore.

Il valore dell’asset è cresciuto del 36,6%, 7,0%, 5,9% e 6,9% nell’ultimo anno, negli ultimi 30 giorni, nelle ultime due settimane e negli ultimi sette giorni.

Investire in Bitcoin: prospettive

Gli investitori istituzionali sono ottimisti nei confronti del Bitcoin come investimento a causa dei fondamentali predeterminati. Bitcoin ha un’offerta limitata di 21 milioni, con un tasso di inflazione matematicamente controllato fin dalla sua nascita.

Inoltre, la sua domanda è in forte aumento, soprattutto alimentata dal sistema fiat in dissesto. I governi guidati dalla Cina stanno sviluppando una valuta digitale che sarà interoperabile con Bitcoin e altre criptovalute, legittimando quindi l’autorità del Bitcoin.

In particolare, gli investitori istituzionali stanno anche diversificando il loro portafoglio crittografico tra cui Bitcoin Cash, Ethereum, XRP, Binance Coin, Litecoin e molti altri.

Diverse risorse digitali stanno risolvendo e superando i limiti del Bitcoin: ad esempio, XRP, che è la moneta nativa in XRPL è stata sviluppata per risolvere la velocità e il costo di transazione.

Inoltre, Ethereum e la sua blockchain sono stati sviluppati per sfruttare Smart Contracts e consentire applicazioni decentralizzate che hanno portato servizi finanziari decentralizzati alias l’ecosistema DeFi.

 

Jacqueline Facconti

Laureata in Economia Aziendale e in Strategia, Management & Controllo con 110 e Lode presso l’Università di Pisa, redattrice e collaboratrice editoriale per vari blog e siti Economici e Business

Post simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button