News Crypto e cryptovalute

Litecoin, basta una bufala su Walmart per farlo aumentare del 35%

LTC sulle montagne russe per una lunga ora

Il Litecoin è stato protagonista di una clamorosa crescita nell’arco di appena un’ora e di un successivo ritracciamento. Il prezzo del token, infatti, è cresciuto del 35%, attestandosi a quota 237 dollari, per poi crollare a 179.
Un trend il quale è sicuramente da collegare ad una serie di notizie errate pubblicate da molti organi di stampa. Secondo cui Walmart avrebbe aggiunto una opzione di pagamento in LTC sui suoi siti dedicati al commercio elettronico. Una vera e propria bufala, poi smentita dalla stessa azienda, ma tale da creare movimenti clamorosi sui mercati. Una vicenda abbastanza controversa e destinata a suscitare non poche polemiche, non solo sul sistema informativo, ma anche sulle criptovalute.

Litecoin - Litecoin, basta una bufala su Walmart per farlo aumentare del 35%

Litecoin: cos’è accaduto nel’arco di una sola ora

A originare il clamoroso errore di alcuni media, tra cui CNBC, Decrypt e Reuters, è stato un comunicato stampa emesso dal servizio di distribuzione GlobeNewsWire. Il quale affermava che Walmart avrebbe deciso l’adozione di Litecoin come forma di pagamento, reputandolo più economico e veloce rispetto ad altri e avvantaggiato dal fatto di non dipendere da un’autorità centrale.
Ben presto, però, proprio il gigante della distribuzione ha precisato che il comunicato stampa non è autentico. La dichiarazione del portavoce di Walmart è arrivata ad una sola ora di distanza dal rilancio dei media. Una sola ora la quale è però bastata a LTC per aumentare in maniera clamorosa. Per poi ritracciare quando è arrivata la precisazione. Nella situazione creatasi, è prevedibile che, a fronte dei guadagni di qualcuno, si sia verificato un bagno di sangue per chi ha acquistato a prezzi alti.

Una vicenda abbastanza emblematica

Quello che è accaduto nell’ora incriminata è abbastanza indicativo dei reali pericoli rappresentati dalle criptovalute. I quali sono da ravvisare non nel fatto che esse possano trasformarsi in strumenti dell’economia criminale (già il contante lo è, senza che nessuno si sogni di chiederne la soppressione), o attentare all’ambiente, bensì nella possibilità che si trasformino in pura speculazione. Con la messa in disparte della loro effettiva utilità. Ovvero per quanto riguarda i pagamenti e la possibilità di dare vita a nuovi strumenti finanziari in grado di risultare più inclusivi. Dando in effetti la possibilità a miliardi di persone dislocate in ogni angolo del globo di poter gestire il loro patrimonio. Cosa attualmente impossibile per i cosiddetti unbanked, ovvero coloro i quali non trovano ascolto nel sistema bancario tradizionale.

Walmart è effettivamente interessata ai pagamenti in denaro digitale

In tutta questa vicenda, il nome di Walmart c’entra decisamente poco. Il comunicato stampa incriminato, infatti, non è emanazione dell’azienda. La quale è però effettivamente interessata ai pagamenti in criptovalute.
Nel mese di agosto, ad esempio, la compagnia ha provveduto a pubblicare un annuncio di lavoro indirizzato ad esperti di criptografia. Se non era specificata l’intenzione di introdurre i pagamenti in denaro virtuale, era però abbastanza logico pensare che l’intento di fondo fosse proprio quello.
Non va poi dimenticato che la compagnia già nel passato ha fatto ricorso alla blockchain nell’ambito della gestione della catena di fornitura, del marketplace per clienti e degli elettrodomestici intelligenti. Il falso comunicato stampa era quindi stato congegnato in maniera molto intelligente, facendo affidamento sulla verosimiglianza della notizia. Proprio per questo i media che lo hanno rilanciato avrebbero dovuto vigilare meglio. Non averlo fatto ha infatti aperto la strada ad una vera e propria corrida sui mercati. Per fortuna durata appena un’ora.

Comprare Criptovalute? Exchange Binance Binance

Dario Marchetti

Sono laureato in Lettere e Filosofia alla Sapienza di Roma, con una tesi sul confine orientale d'Italia alla fine della Prima Guerra Mondiale. Ho collaborato con svariati siti su molte tematiche e guidato il gruppo di lavoro che ha pubblicato il CD-Rom ufficiale della S.S. Lazio "Storia di un amore" e "Storia fotografica della Magica Roma".

Post simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button