Aprile 4, 2020
Home » Litecoin: l’hashrate è crollato a 7 mesi dall’halving
Blockchain

Litecoin: l’hashrate è crollato a 7 mesi dall’halving

Litecoin ha toccato un nuovo picco minimo dopo l’halving di agosto del 2019. Il picco massimo rispetto è stato toccato verso la metà di luglio nel 2019, con oltre 500 Thash/s ma da allora, probabilmente a causa dell’halving ha iniziato a scendere. 

Già verso la fine di settembre è sceso sotto quota 300 per riuscire poi a precipitare a 130 a dicembre. Da allora però è ancora sceso, con il picco minimo di 127 toccato il 16 marzo del 2020.

Un dato simile si può ritrovare solo a febbraio del 2018, quando ci fu una flessione primaria dopo l’impennata che si era verificata con la bolla speculativa verso la fine del 2017. 

Bisogna notare, che nello stesso intervallo di tempo l’hashrate di Bitcoin si è evoluto in modo totalmente diverso anche se una cosa in comune è possibile ritrovarla ossia un’impennata di pre-halving. 

Infatti, partendo da dicembre del 2018, si è vista un’impennata dell’hashrate di Litecoin che ha raggiunto il 220% che fino a pochi giorni prima dell’halving per riuscire poi a crollare oltre il 70% nei mesi che si sono seguiti durante il post-halving.

L’hashrate di Bitcoin invece a partire da dicembre del 2018 sino a ottobre del 2019 ha visto un aumento del 200% per riuscire poi a fermarsi di nuovo ed è tornato a crescere del 30% fino a vedere un altro picco all’inizio di marzo del 2020.

In totale, a partire da dicembre del 2018 fino al picco del 280% per poi ridursi di conseguenza del 24% nei giorni seguenti a causa del crollo del prezzo dei Bitcoin.

L’halving dei Bitcoin è previsto verso maggio del 2020, per questo motivo il suo hashrate nelle prossime settimane potrebbe di nuovo aumentare, sempre che il prezzo lo permetta.

Quello che è successo a Litecoin al momento è un crollo di profitto nel campo del mining. Infatti, dopo un picco di 98 dollari al giorno per la GHash/s a toccato a luglio del 2017 una profittabilità che è crollata a circa 2,5 dollari verso la fine del 2018, risalendo poi a 5 dollari qualche settimana prima del nuovo halving nel 2019. 

Da questo momento in poi è precipitata sino a 1,2 dollari, questo probabilmente ha causato un crollo dell’hashrate. Il percorso è seguito dalla profittabilità del mining di Bitcoin ed è stato per certi versi simile al picco che si era vista a dicembre del 2018 per poi crollare sotto gli 0,08 cent. di dollari nel corso degli ultimi giorni.

Bisogna notare, comunque, che il profitto del mining di Litecoin viene calcolato in dollari giorno dopo giorno per THash/s, che è diecimila volte superiore a BTC perché 1,2 dollari al giorno per GHash/s corrispondono a 1200 dollari al giorno e che corrisponde a 1000 GHash/s. 

Nonostante ciò, l’hashrate di Bitcoin comunque è circa 1000 volte superiore a quello di Litecoin, questo dimostra l’interesse dei miner nei confronti di Bitcoin superiore rispetto a quello di Litecoin. Bisogna notare infine, che il crollo dell’hashrate di Litecoin ha inficiato minimamente le prestazioni della sua blockchain dato che il block-time è rimasto invariato. 

News simili

Litecoin: un record di transazioni sulla blockchain

Silvia Faenza

Litecoin: è il momento giusto per la sua ripartenza?

Roberto Rais

Lascia un commento