News Crypto e cryptovalute

LUNA sfonda quota 100 dollari

Il token nativo della rete Terra sembra in questo momento inarrestabile

sLUNA, il token nativo della blockchain Terra, sembra in questo assolutamente inarrestabile, frantumando un record dopo l’altro. L’ultimo è quello relativo allo sfondamento di 100 dollari della sua quotazione, arrivato nel corso della notte, favorito anche dal rinnovato vigore di tutto il settore DeFi.
La crescita di LUNA desta notevole impressione, soprattutto alla luce del fatto che ancora la passata settimana il token era scambiato a 63 dollari. Da allora ha preso quota aumentando in maniera vertiginosa la sua velocità, dando vita ad un rally tale da spingerlo in nona posizione nella classifica di CoinMarketCap relativa alla capitalizzazione di mercato. Una posizione la quale, però, potrebbe presto diventare un semplice ricordo, considerati i ritmi di crescita del progetto.

LUNA - LUNA sfonda quota 100 dollari

La crescita di UST continua a favorire LUNA

Tra le forze trainanti nel momento magico di LUNA, occorre ricordare UST, la stablecoin ancorata al dollaro di Terra. L’unico modo per poterla avere e fruire della sua crescita consiste proprio nella distruzione di una analoga quantità di LUNA, dando vita ad un processo di deflazione il quale va a riflettersi in positivo sulla sua quotazione.
Un fattore il quale è andato a sommarsi alla recente decisione di fare ricorso al burning, ovvero alla rimozione permanente di un gran numero di token dalla circolazione. La proposta, avanzata dal cofondatore di Terra e CEO di Terraform Labs, Do Kwon, prevede in pratica la distruzione di ben 88,7 milioni di gettoni. Basta moltiplicare tale numero per i 100 dollari di quotazione raggiunti, per capire l’entità del burning.

Perché il burning di LUNA?

Il burning approvato dalla comunità raccolta intorno a Terra è stato giustificato dallo stesso Do Kwon con la necessità di andare a finanziare nuovi servizi nell’ecosistema Terra. Il riferimento è in particolare a Ozone, un protocollo assicurativo al quale si è deciso di affidare il compito di facilitare la copertura a leva dei rischi di guasto tecnico collegati a ogni protocollo di finanza decentralizzata (DeFi) costruito sulla rete di Terra.
Il processo è stato accolto inizialmente con un certo scetticismo, derivante in particolare dall’ampiezza del numero di token interessati, per essere poi approvato a metà novembre. Da quel momento LUNA ha iniziato a correre bruciando le tappe, frantumando un record dopo l’altro. Favorito in tal senso anche dal favore che ha accolto l’aggiornamento Columbus 5. Lo stesso che ha in pratica deciso di collegare LUNA e UST, ponendo le basi per un processo di crescita che appare difficile da fermare.

La DeFI è in fase di avanzata

La crescita di LUNA avviene in un momento in cui l’intero settore della finanza decentralizzata si è messo a correre. Tra i progetti che stanno evidenziandosi in queste ore c’è ad esempio SUSHI, il token nativo di SushiSwap, che ha aumentato di un terzo la sua capitalizzazione di mercato nel corso dell’ultima settimana, dopo un periodo di prolungata flessione.
LUNA, dal suo canto, ha potuto contare sul propellente fornito non solo dal successo di Columbus 5, ma anche dell’annuncio da parte di Binance, l’exchange di criptovaluta che ha deciso di includere il token nelle sue contrattazioni.
Come è consueto in questi casi, non appena l’annuncio è stato diffuso su Twitter si è scatenata una vera e propria corsa all’acquisto. Un trend in atto ormai da ore e che non accenna a diminuire. Tanto da spingere gli analisti ad aggiornare costantemente le loro previsioni, chiedendosi dove potrà arrivare LUNA proseguendo nella folle corsa intrapresa.

Comprare Criptovalute? Exchange Binance Binance

Dario Marchetti

Sono laureato in Lettere e Filosofia alla Sapienza di Roma, con una tesi sul confine orientale d'Italia alla fine della Prima Guerra Mondiale. Ho collaborato con svariati siti su molte tematiche e guidato il gruppo di lavoro che ha pubblicato il CD-Rom ufficiale della S.S. Lazio "Storia di un amore" e "Storia fotografica della Magica Roma".

Post simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button