News Exchange

Prestiti Coinbase: a breve in arrivo sulla piattaforma di exchange

Prestiti Coinbase: a breve sulla piattaforma si potranno ottenere finanziamenti con la garanzia dei BTC.

Arriva l’annuncio di un nuovo strumento per la richiesta di prestiti su Coinbase. La società ha annunciato che a breve giungeranno i prestiti criptovalute all’interno della sua piattaforma, con l’impiego dei Bitcoin come collaterale.

Il comunicato stampa di Coinbase parla di prestiti per gli utenti (il test inizierà sulla piattaforma statunitense) che potranno essere avvallati dai Bitcoin, prendendo così una somma in contanti per un valore fino al 30% dei propri bitcoin. Per il momento, questo nuovo strumento sarà disponibile solo in alcuni stati USA tra i quali: Arkansas, Connecticut, Georgia, Illinois, Florida, Alaska ecc…

Prestito criptovalute su Coinbase: come funzionerà?

Al momento, anche se non attivo in Italia, Coinbase ha iniziato già a pubblicare come funzionerà il prestito Criptovalute sulla piattaforma. In Italia, si pensa comunque a un prestito che non supererà i 20 mila dollari, ottenibili solo se all’interno del proprio wallet e account Coinbase ci sono almeno 6 BTC per il valore di circa 66 mila dollari.

Il prestito naturalmente, prevederà degli interessi. Il TAEG che dovrebbe essere applicato a chi richiede 20 mila euro sarà pari all’8%. Su altre piattaforme che hanno già quest’opzione, come ad esempio Aave, però risulta il tasso d’interesse per un prestito BTC al quanto inferiore con un TAEG che si presenta sul 4% circa.

Per quanto riguarda la durata del finanziamento, questa sarà di solo 12 mesi. Quindi, ogni mese dall’inizio del prestito bisognerà restituire oltre alla somma capitale anche gli interessi che maturano in un anno, considerando il TAEG all’8%.

Per ottenere il prestito, la procedura pensata da Coinbase è davvero molto semplice oltre che completamente automatizzata. La piattaforma fa sapere che ci vorranno all’incirca 3 giorni per chiudere la procedura, e non sarà necessario presentare alcuna garanzia oltre a quella bancaria.

Adesso, bisogna aspettare che i prestiti di criptovalute che verranno erogati da Coinbase entrino in regime per verificare dal punto di vista degli utenti sé questo strumento possa rivelarsi utile o meno.

Silvia Faenza

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali all'Università del Salento, nel 2014. Dal 2015 si occupa della gestione dei contenuti per aziende e agenzie editoriali online, principalmente in qualità di ghostwriter, copywriter e web editor.

Post simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button