News Bitcoin

Russell Okung riceverà metà del suo contratto in Bitcoin

Sarà il primo giocatore NFL a farlo

Russell Okung sarà il primo giocatore della National Football League a ricevere una parte del suo stipendio in denaro digitale. L’offensive tackles attualmente in forza ai Carolina Panthers ha infatti annunciato che metà del suo ricco appannaggio annuale, pari a 13 milioni di dollari, sarà corrisposto in Bitcoin.
A consentirgli di realizzare la sua aspirazione è stata la piattaforma Strike, una società la quale aiuta gli utenti a convertire il denaro tradizionale in criptovaluta, in maniera più rapida ed economica. Per farlo utilizza un protocollo blockchain di “secondo livello”.

Russell Okung - Russell Okung riceverà metà del suo contratto in Bitcoin

Russell Okung è un vecchio sostenitore delle criptovalute

Russell Okung è un vecchio sostenitore del denaro virtuale. Nel maggio del 2019 aveva reso noto il suo desiderio di essere pagato in Bitcoin, con un messaggio affidato a Twitter. Lo stesso social su cui ha voluto ora informare i suoi fans come il suo desiderio fosse stato esaudito. Nello stesso 2019, il giocatore aveva poi pubblicato un suo editoriale su Coindesk, nel quale aveva definito il Bitcoin alla stregua di oro digitale e lodato il principio di decentralizzazione su cui si regge.
La notizia è stata presto confermata proprio da Strike, la quale ha voluto aggiungere che si tratta del primo atleta della lega professionistica a stelle e strisce a optare per questo metodo di pagamento. Aprendo una strada la quale ora, però, potrebbe essere percorsa da altri. Soprattutto alla luce della vera e propria esplosione del prezzo di Bitcoin avvenuto nelle ultime settimane.

Il commento rilasciato da Strike

Nel suo comunicato stampa, Strike ha anche svelato alcuni particolari molto interessanti. A partire dalle ripetute pressioni portate avanti dal giocatore sia nei confronti dei Carolina Panthers che della sua vecchia squadra, i Los Angeles Chargers. Arrivate a maturazione soltanto ora, anche perché proprio l’utilizzo della piattaforma ha permesso ad atleta e squadra di rispondere agli standard normativi imposti dalla National Football League.
Il CEO e fondatore dell’azienda, Jack Mallers, ha poi aggiunto che ora si attende la stessa mossa da parte di un gran numero di atleti. Non solo della NFL, ma anche della National Basket Association (NBA) e della Major League Baseball (MLB). Oltre che di molti artisti, in particolare del settore musicale.
Un pronostico fondato sull’interesse sempre più evidente di questi settori per le grandi potenzialità messe in evidenza dal denaro digitale.

Chi è Russell Okung

Nato a Houston il 7 ottobre del 1987, Russell Okung ha iniziato la sua carriera professionistica nel 2010, con i Seattle Seahawks. La stessa squadra con cui nel 2014 si è laureato campione della lega, vincendo il Super Bowl contro i Denver Broncos. Proprio con la franchigia di Denver ha poi firmato un ricco contratto, il quale prevedeva la corresponsione di 53 milioni di dollari in un quinquennio. Senza però che la stessa esercitasse alla fine della prima stagione l’opzione per il rinnovo, dando modo al giocatore di diventare free agent. Il suo passaggio a Los Angeles è avvenuto alla stessa cifra concordata con i Broncos, ma stavolta spalmata su quattro stagioni. A marzo di quest’anno è stato quindi scambiato con l’offensive guard Trai Turner.
Una lunga serie di trasferimenti, dai quali Okung ha sin qui ottenuto la bella cifra di 108 milioni di dollari, come calcolato da Spotrac. Una cifra la quale dovrebbe ulteriormente lievitare, considerato come alla fine di questa stagione Okung dovrebbe diventare free agent.

Comprare Criptovalute? Exchange Binance Binance

Dario Marchetti

Sono laureato in Lettere e Filosofia alla Sapienza di Roma, con una tesi sul confine orientale d'Italia alla fine della Prima Guerra Mondiale. Ho collaborato con svariati siti su molte tematiche e guidato il gruppo di lavoro che ha pubblicato il CD-Rom ufficiale della S.S. Lazio "Storia di un amore" e "Storia fotografica della Magica Roma".

Post simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button