News Crypto e cryptovalute

Servizi custodia crypto: potranno essere offerti dalle banche USA

Servizio custodia criptovalute - Servizi custodia crypto: potranno essere offerti dalle banche USA

I servizi custodia crypto potranno essere offerti dalle banche degli Stati Uniti. La OCC degli Stati Uniti ha deciso di permettere alle banche di fornire un servizio per la custodia delle criptovalute. La notizia è giunta con una lettere che è stata inviata dall’autorità degli Stati Uniti che s’occupa della vigilanza in ambito bancario. Così viene dato il via libera alle banche per la gestione del settore in modo regolamentato.

L’OCC, ossia l’Office of the Comptroller of the Currency, è l’ufficio di tipo indipendente facente parte del Dipartimento del Tesoro USA. Questa pronuncia, quindi, ha una valenza di tipo governativo. Tanto che è possibile considerare questa decisione effettiva, in modo tale che le banche avranno la possibilità d’applicarla.

Come spiegato all’interno della lettera, viene spiegato che le banche potranno offrire questo servizio che comprende anche una custodia delle chiavi che vengono associate alle criptovalute. Viene aggiunto, inoltre, che le banche potranno fornire anche altri servizi relativi alle valute digitali, sempre se questi rientrano nel rispetto dell’attuale piano normativo degli Stati Uniti. 

Come ha voluto spiegare l’OCC, questa svolta è data per la necessità d’usufruire di posti sicuri come possono essere le banche, per tre specifiche ragioni, quali: chiavi dei wallet delle criptovalute irreplicabili una volta perse, le banche hanno servizi di sicurezza maggiori rispetto a quelli che esistono al momento, i consulenti d’investimento saranno più propensi ad affidare le chiavi ai clienti delle banche.

L’OCC ha riconosciuto che man mano i mercati finanziari sono diventati sempre più tecnologici, e probabilmente sarà sempre più necessario da parte delle banche e altri fornitori di servizi far leva su delle nuove tecnologie e modalità innovative per riuscire a fornire dei servizi tradizionali per conto dei vari clienti.

Fornendo questi servizi, le banche avranno la possibilità di svolgere una funzione d’intermediazione finanziaria che esse hanno svolto storicamente, per quanto riguarda i servizi di prestito, pagamento e deposito. Mediante l’intermediazione le banche possono facilitare un flusso di fondi che si trovano all’interno del nostro sistema economico e che continuano ad essere importanti per la gestione del rischio finanziario e della sicurezza della clientela bancaria. 

Brian P. Brooks a capo della OCC ha spiegato che: dalle cassette di sicurezza fino ai caveau virtuali, bisogna garantire che le banche possano soddisfare anche l’esigenze che hanno i clienti moderni. Quest’opinione chiarisce che le banche possano soddisfare l’esigenze dei clienti per la salvaguardia dei beni prezioso, che oggi, per decine di milioni d’americani prevedono anche le criptovalute.

Silvia Faenza

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali all'Università del Salento, nel 2014. Dal 2015 si occupa della gestione dei contenuti per aziende e agenzie editoriali online, principalmente in qualità di ghostwriter, copywriter e web editor.

Post simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close