News Crypto e cryptovalute

ShapeShift rimuove anche Zcash dalle sue contrattazioni

Per le privacy coin la situazione si fa critica

Dopo Monero, ora è il turno di un’altra privacy coin ad essere rimossa dalle contrattazioni di ShapeShift. L’exchange del Colorado, noto per la possibilità di auto-custodire le proprie risorse concessa agli utenti, ha infatti proceduto al delisting di Zcash.
Un provvedimento che desta non solo clamore, ma anche una notevole sorpresa. ShapeShift, infatti, aveva deciso di investire nella Electric Coin Company, uno dei pilastri su cui si fonda il token, nel corso del 2016.
E’ quindi durata poco l’avventura di ZEC sull’exchange, il quale aveva deciso di accluderlo alle sue contrattazioni nel mese di ottobre.

zcash - ShapeShift rimuove anche Zcash dalle sue contrattazioni

Le dichiarazioni di ShapeShift

A commentare la decisione è stata Veronica McGregor, chief legal officer di ShapeShift, nel corso di un’intervista. Nella quale ha affermato che essa è dovuta alla necessità di eliminare le privacy coin per rispettare le leggi sempre più stringenti, le quali stanno in pratica tagliando l’erba sotto ai piedi di quelle che non rispettano le normative KYC (Know Your Customer) e AML (Anti Money Laundering).
Una necessità di cui l’exchange non può non tenere conto, nonostante il passato libertario di Erik Voorhees. Considerato un vero e proprio antesignano nel settore della crittografia, dall’alto di una attività che dura ormai dal 2011, ovvero dagli albori dello stesso.

Gli inizi di ShapeShift sembrano ormai lontani anni luce

La storia di Voorhees, del resto, assomiglia per molti versi a quella di ShapeShift, una piattaforma di scambio la quale aveva distinto i suoi inizi per il notevole afflato anarchico, tanto da permettere ai suoi utenti di dare vita a transazioni senza alcuna necessità di aprire un account.
Nel 2018, però, l’exchange ha dovuto iniziare a conformarsi ai regolamenti sempre più stringenti messi in atto dalle autorità monetarie, con il preciso fine di stroncare, o perlomeno limitare, il riciclaggio di denaro sporco e l’utilizzo del denaro virtuale in attività illecite.
Se Voorhees ha continuato a coltivare alcune relazioni pericolose, ad esempio quella con Ross Ullbricht, il fondatore di Silk Road, uno dei mercati principali del Dark Web, imprigionato a vita proprio per la sua attività illegale sulla parte più nascosta del web, ShapeShift ha invece dovuto adeguarsi, per non essere a sua volta colpita dalla giustizia.

La risposta di Zcash all’iniziativa di ShapeShift

La risposta di Zcash all’accaduto è stata in pratica affidata a Peter Van Valkenburgh, direttore della ricerca presso Coin Center e membro del consiglio di amministrazione della Zcash Foundation. Il quale ha provveduto a spiegare a CoinDesk che la guida del Financial Crimes Enforcement Network degli Stati Uniti, noto anche come FinCEN, afferma che le piattaforme crittografiche devono prendere misure ragionevoli per contrastare attività illegali, non prima di aver dato vita ad una analisi di costi e benefici. Ovvero devono trattare i clienti come fanno le banche quando si presenta una persona presso uno sportello recando con sé un sacco contenente contanti. Dando vita ad un controllo per sapere da dove arrivino effettivamente. Cosa che invece non è stata fatta nel caso di ShapeShift, che ha in pratica chiuso le proprie contrattazioni alle privacy coin.
Creando in tal modo un precedente abbastanza pericoloso. Altre piattaforme di scambio, infatti, potrebbero a questo punto seguirne l’esempio. Ove ciò avvenisse, il futuro per Monero, Dash, Zcash e Grin potrebbe diventare molto nebuloso. A meno di non allentare a loro volta le caratteristiche tecniche che garantiscono profili di riservatezza molto elevati.

Comprare Criptovalute? Exchange Binance Binance

Dario Marchetti

Sono laureato in Lettere e Filosofia alla Sapienza di Roma, con una tesi sul confine orientale d'Italia alla fine della Prima Guerra Mondiale. Ho collaborato con svariati siti su molte tematiche e guidato il gruppo di lavoro che ha pubblicato il CD-Rom ufficiale della S.S. Lazio "Storia di un amore" e "Storia fotografica della Magica Roma".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button