News Crypto e cryptovalute

Shiba Inu, Elon Musk twitta e il token balza in alto

Guadagnato il 17% nell'arco di poche ore

“My Shiba Inu will be named Floki”: è bastato questo semplice tweet di Elon Musk per far crescere la quotazione di SHIB nell’ordine del 17% nell’arco di poche ore. Un vero e proprio pump and dump il quale ripropone il peso del fondatore e CEO di Tesla sul mercato delle criptovalute. Un tema il quale è ormai da tempo all’ordine del giorno e che obbliga analisti, trader e appassionati ad una serie riflessione.

Shiba Inu Coin OKEx Binance - Shiba Inu, Elon Musk twitta e il token balza in alto

La prossima mania sarà legata al nome di Floki?

Per capire meglio il discorso legato a Elon Musk, basterà ricordare quello che è accaduto dopo il suo messaggio. Nelle ore successive, infatti, sono iniziati ad apparire un gran numero di token collegati al nome di Floki. Il quale, per inciso, è il nome di un personaggio di una serie televisiva, Vikings. Descritto nella stessa fiction alla stregua di un imbroglione incallito e, soprattutto, incorreggibile.
Un trend che ha interessato in particolare Poocoin, un sito web il quale si incarica di tracciare i prezzi di diversi shitcoin. Uno di questi token, in particolare, ha visto la sua quotazione aumentare in breve del 3500%, proponendosi come prossimo catalizzatore di tutti coloro che sono intenzionati a sfruttare l’onda innescata da Musk.

Un gioco estremamente pericoloso

Il problema posto da questo nuovo trend è da individuare nel fatto che la stragrande maggioranza di questi progetti non ha alcuna base tecnica su cui poggiare. Si tratta di puri e semplici token speculativi, capaci però di fiammate clamorose e proprio per questo ancora più pericolose. Per chi riesce ad intuire il momento giusto per prendere posizione sul mercato può essere festa grossa. Chi invece entra nel momento in cui uno di essi ha ormai raggiunto l’apice e sta per iniziare il ripiegamento, rischia a sua volta il vero e proprio bagno finanziario.
Proprio per questo motivo si stanno moltiplicando nelle ultime settimane gli appelli ad un comportamento cauto in sede di investimento. Consigli i quali, però, sembrano destinati a cadere nel vuoto, a causa della frenesia provocata da questi movimenti. Una situazione che, però, rischia di rivelarsi in definitiva un vero e proprio boomerang per l’intero spazio crypto.

L’eccessiva volatilità non fa bene alle criptovalute

Com’è ormai noto da tempo, i mercati finanziari sono estremamente volatili. Una caratteristica la quale amplifica i pericoli per i piccoli investitori e crea occasioni per le cosiddette Mani Forti. Il settore delle criptovalute, a sua volta, va molto oltre il livello oscillatorio di altri comparti. Con salite e cadute clamorose nell’arco di poche ore che, se da un lato creano occasioni per gli investitori più avveduti, dall’altro si risolve in una trappola per quelli meno attrezzati da un punto di vista tecnico.
In questo quadro, un ruolo dl tutto particolare è detenuto da Elon Musk. I cui tweet a sostegno di BTC, Dogecoin e ora Shiba Inu, sono visti da molti alla stregua di una vera e propria turbativa. Tanto da spingere molti osservatori ad augurarsi che questa situazione anomala cessi al più presto. In quanto il ripetersi di oscillazioni come quelle create dai messaggi del miliardario di origini sudafricane, va a detrimento dell’intero settore. Dando in particolare modo alla politica di poter indicare nel denaro digitale un pericolo non solo dal punto di vista ambientale, ma anche finanziario.

Comprare Criptovalute? Exchange Binance Binance

Dario Marchetti

Sono laureato in Lettere e Filosofia alla Sapienza di Roma, con una tesi sul confine orientale d'Italia alla fine della Prima Guerra Mondiale. Ho collaborato con svariati siti su molte tematiche e guidato il gruppo di lavoro che ha pubblicato il CD-Rom ufficiale della S.S. Lazio "Storia di un amore" e "Storia fotografica della Magica Roma".

Post simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button