News Crypto e cryptovalute

Terra, l’azienda denuncia una violazione da parte della SEC nei suoi confronti

L'autorità di controllo dei mercati finanziari USA avrebbe violato le procedure: vediamo perché

Terraform Labs, la società che sovrintende allo sviluppo di LUNA, ha presentato una mozione presso un tribunale di New York contro una presunta violazione da parte della Securities and Exchange Commission (SEC) degli Stati Uniti nei suoi confronti.
Il documento sostiene in particolare che l’autorità delegata al controllo dei mercati finanziari statunitensi avrebbe violato le procedure spingendo i propri avvocati a presentare un mandato di comparizione nei confronti di Do Kwon, il fondatore di Terraform, in occasione di un evento sulle criptovalute tenutosi negli Stati Uniti.

Terra - Terra, l'azienda denuncia una violazione da parte della SEC nei suoi confronti

Il motivo del contendere

Oggetto della battaglia legale in atto è Mirror Protocol, una piattaforma lanciata nel dicembre del 2020 e costruita sulla blockchain di Terra, la quale permette ai propri utenti di scambiare risorse sintetiche collegate con titoli reali.
Si tratta in effetti di un concetto non nuovo, considerato come Binance lo abbia già sperimentato in precedenza. L’exchange è stato sanzionato non solo dalla SEC, ma anche da BaFin, l’ente regolatore tedesco, proprio per averlo promosso, venendo costretto a chiudere il tutto, per evitare l’inasprimento della questione.

Un conflitto giurisdizionale

Nel caso di Mirror Protocol, è stata la SEC a muoversi. Lo ha fatto all’inizio dell’anno, quando però la sua autorità giurisdizionale era abbastanza limitata. Terraform Labs, infatti, è di stanza a Singapore, mentre Do Kwon è un cittadino sudcoreano con residenza proprio nel Paese asiatico.
Ne consegue che la SEC avrebbe dovuto contattare Kwon e chiederne una collaborazione volontaria, come è accaduto almeno sino al 20 settembre, stando alla ricostruzione dei suoi avvocati. Oltre alla fornitura di documenti, l’uomo d’affari sudcoreano si sarebbe impegnato in una lunga videochiamata, durata ben cinque ore. Quel giorno, però,  Kwon è arrivato negli Stati Uniti al fine di prendere parte e parlare alla conferenza Mainnet, tenutasi a New York. Prima di poterlo fare, l’ente regolatore ha provveduto a notificargli un mandato di comparizione.

Cosa chiede la citazione

La citazione della SEC chiede al fondatore di Terraform la consegna di alcuni documenti relativi al Mirror Protocol, ragguagli relativi al ruolo da lui ricoperto nel progetto e l’entità dei MIR (il token di governance sulla piattaforma) detenuti. Chiedendo inoltre che si presenti personalmente a Washington, nella sede della SEC in modo da poter rispondere ad alcuni quesiti. Richieste le quali, però, non sembrano essere gradite da Kwon e dai suoi avvocati. I quali ora hanno messo in campo la loro risposta.

La controffensiva di Terra

La controffensiva di Terra è arrivata proprio la passata settimana, inaugurata dalla mozione depositata il 17 dicembre presso il Distretto Meridionale di New York. Un atto in cui i legali di Kwon sostengono la palese violazione delle stesse procedure cui dovrebbe attenersi l’ente, nel corso della conferenza tenutasi nella Grande Mela. Una prima rimostranza cui poi si aggiunge l’asserzione secondo la quale la SEC non avrebbe in realtà alcun tipo di giurisdizione su di lui o sulla sua azienda.

La posizione della Securities and Exchange Commission

Per quanto riguarda la SEC, l’autorità di controllo ha però già in passato sostenuto che, essendo il protocollo Mirror rivolto agli utenti americani, la sua giurisdizione su di esso è totalmente giustificata. Ne consegue l’assoluta legittimità della consegna a Do Kwon della citazione incriminata, avvenuta sul suolo statunitense.
Siamo comunque ancora alle prime avvisaglie della querelle, la quale si preannuncia non priva di interesse. Resta da capire perché la SEC abbia voluto inasprire la sua condotta alla luce della disponibilità ad eventuali chiarimenti offerti da Terra.

Comprare Criptovalute? Exchange Binance Binance

Dario Marchetti

Sono laureato in Lettere e Filosofia alla Sapienza di Roma, con una tesi sul confine orientale d'Italia alla fine della Prima Guerra Mondiale. Ho collaborato con svariati siti su molte tematiche e guidato il gruppo di lavoro che ha pubblicato il CD-Rom ufficiale della S.S. Lazio "Storia di un amore" e "Storia fotografica della Magica Roma".

Post simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button