News Bitcoin

Trading View fissa a 10mila dollari il prezzo di BTC dopo l’halving

token bitcoin - Trading View fissa a 10mila dollari il prezzo di BTC dopo l’halving

Mentre il Bitcoin ha iniziato una nuova furiosa corsa, proseguono le discussioni intorno al prezzo che l’iconico token attribuito a Satoshi Nakamoto potrebbe toccare dopo il previsto halving del 12 maggio.
Nella discussione è intervenuto nelle ultime ore anche Trading View, ad opera di uno dei suoi analisti, secondo il quale una volta effettuato il dimezzamento delle ricompense spettanti ai miners, la quotazione di BTC sfonderà quota 10mila dollari. Un pronostico che, alla luce di quanto sta accadendo in queste ore, sembra però abbastanza cauto.

BTC sfonda quota 9mila

Proprio in queste ore, infatti, il Bitcoin ha dato vita ad una nuova imponente crescita. In circa 24 ore è passato da 7700 a 9400 dollari, un comportamento che in pochi si attendevano.
Mentre infatti gli osservatori indugiavano nel ritenere complicato spezzare la resistenza a quota 8mila dollari, BTC non solo scollinava agevolmente, ma proseguiva la sua corsa travolgendo anche quella rappresentata da quota 9mila.
Una corsa che va assumendo sempre maggiore vigore e che è supportata dal mixarsi di alcuni fattori di non poco conto. Andiamo a vedere quali.

I dati macroeconomici fanno paura

Quanto sta accadendo alle economie mondiali inizia a destare una certa inquietudine. In particolare sono gli ultimi dati provenienti dagli Stati Uniti a stupire, in negativo. Se, infatti, gli analisti si attendevano un calo del 4% nel primo trimestre, il dato reale si è attestato a -4,8%. Tale da rivelarsi però una vera e propria passeggiata salutare rispetto a quanto potrebbe accadere nel secondo, quando la perdita potrebbe arrivare al 30%. E non si tratterebbe peraltro della previsione peggiore, considerato come in queste ore ne girino altre dal sapore apocalittico. Le quali potrebbero provocare un crollo occupazionale tale da far impallidire il ricordo della Grande Depressione.
A quelli degli Stati Uniti si aggiungerebbero poi i dati di Francia e Spagna. Anche in questo caso i dati sono relativi al primo trimestre dell’anno e sono abbastanza eloquenti: -5,8 per i transalpini, -5,2% per gli iberici. Considerati i dati italiani, il fronte latino rischia moltissimo sul piano della tenuta sociale, anche in considerazione dell’atteggiamento del blocco nordico, contrario all’allentamento dei vincoli di bilancio.

C’è sempre più attesa per l’halving

In questo quadro denso di incognite, si approssima il 12 maggio, la nuova data indicata per il conseguimento del blocco numero 630mila, che farebbe scattare il dimezzamento delle ricompense spettanti ai miners.
Una data che spinge a notevoli riposizionamenti. A partire proprio dai minatori, una parte dei quali ha già deciso di gettare la spugna, reputando non più proficua l’attività di calcolo per il Bitcoin. A partire da Valarhash Baite, società operante in Cina, che ha optato per le Altcoin, considerandole in questo momento più remunerative. Si tratta di un nome non proprio secondario, considerato come l’azienda detenesse circa il 9% dell’hash rate di BTC. Una mossa che potrebbe essere seguita da altri, con conseguenze di rilievo sull’attività di mining e, quindi sul livello di inflazione di Bitcoin.
Il rallye in atto, alla luce dei tanti fattori che si vanno saldando in queste ore, sembra in effetti preparare il terreno per l’esplosione della quotazione di BTC prevista anche da Bloomberg. Tanto da far sembrare abbastanza prudenziale la stima fatta da Trading View.

Comprare Criptovalute? Exchange Binance Binance

Dario Marchetti

Sono laureato in Lettere e Filosofia alla Sapienza di Roma, con una tesi sul confine orientale d'Italia alla fine della Prima Guerra Mondiale. Ho collaborato con svariati siti su molte tematiche e guidato il gruppo di lavoro che ha pubblicato il CD-Rom ufficiale della S.S. Lazio "Storia di un amore" e "Storia fotografica della Magica Roma".

Post simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button