News Crypto e cryptovalute

Zcash, il prezzo sale impetuosamente dopo l’annuncio del passaggio a Proof-of-Stake

L'adozione del nuovo meccanismo di consenso dovrebbe avvenire nel prossimo triennio

Zcash sta salendo impetuosamente in queste ore. A fornire il propellente per questo vero e proprio boom è stato l’annuncio del passaggio all’algoritmo di consenso Proof-o-Stake (PoS), il quale dovrebbe avere luogo nel prossimo triennio. Un annuncio contenuto all’interno della vera e propria road map delineata da Electric Coin Company, l’azienda che sovrintende al suo sviluppo. Una tendenza la quale dovrebbe senz’altro proseguire nel corso delle prossime ore.

zcash - Zcash, il prezzo sale impetuosamente dopo l'annuncio del passaggio a Proof-of-Stake

Il piano triennale per Zcash

Il piano triennale varato per lo sviluppo della privacy coin è stato oggetto di un post pubblicato sul blog di Electric Coin Company. In pratica, ECC lancerà un portafoglio ufficiale open source nel corso del prossimo anno, considerato il preludio al passaggio di Zcash da un meccanismo di consenso proof-of-work a uno basato su quel proof-of-stake il quale è considerato meno dannoso per l’ambiente.
Il piano di sviluppo è in particolare teso a fare del token un attore chiave all’interno del Web 3.0, in cui i dati sono interconnessi in modo completamente decentralizzato, permettendo in tal modo a ciascun utente di gestire in maniera del tutto autonoma la propria parte del web.
All’interno di questa concezione, un ruolo chiave sarà giocato dalla riservatezza. Ovvero quella a cui punta dichiaratamente il progetto Zcash, nonostante le polemiche legate a questo particolare aspetto.

Zcash: di cosa si tratta?

Il lancio di Zcash è avvenuto il 28 ottobre 2016. In origine il token era basato sul codice di Bitcoin e, come BTC prevedeva un limite di offerta a 21 milioni di esemplari. Attualmente il suo market cap è attestato a circa 2,3 miliardi di dollari, un totale che però potrebbe salire notevolmente nel corso delle prossime settimane.
Il suo funzionamento su un particolare meccanismo denominato zero-knowledge proofs. Grazie alla sua presenza è possibile effettuare transazioni senza doverne specificare i dettagli. La differenza con il suo grande antagonista, Monero, è da ravvisare nella possibilità di effettuare anche transazioni pubbliche, non solo private.

L’importanza del passaggio al Proof-of-Stake

Perché il passaggio al meccanismo di consenso Proof-of-Stake è considerato così importante? Il motivo è da ricercare nel fatto si tratta di un procedimento in grado di di ridurre notevolmente l’impronta di carbonio associata ad un determinato processo.
In un momento in cui il movimento Fridays for future fa sentire la sua voce contro il surriscaldamento globale, molte criptovalute, a partire dal Bitcoin vengono a trovarsi sotto accusa. La loro immagine pubblica rischia peraltro di riflettersi sulla quotazione stessa e proprio per cercare di porre riparo al possibile danno derivante da questo fattore alcuni progetti stanno passando a PoS.

Le privacy coin rischiano molto

Se da un punto di vista ambientale Zcash sembra aver imboccato la strada giusta, resta però un’altra incognita sul suo futuro. Quella rappresentata dalla sua propensione alla privacy, tale da riverberarsi in negativo sulla sua immagine pubblica.
Questo genere di token, infatti, è ormai da tempo apertamente accusato di essere uno strumento ideale per l’economia criminale. Grazie all’utilizzo di Zcash, Monero, Dash e altre valute virtuali analoghe, è infatti possibile celare i dettagli delle transazioni effettuate. Ne consegue l’utilizzazione da parte delle bande criminali, in particolare quelle che portano avanti i loro traffici sul Dark Web, ovvero la parte più oscura di Internet.
Proprio per questo motivo, nel corso degli ultimi anni le agenzie governative hanno iniziato a collaborare con aziende impegnate nella sicurezza informatica la fine di reperire strumenti in grado di impedire alle privacy coin di mascherare le transazioni che ne prevedono l’impiego.

Comprare Criptovalute? Exchange Binance Binance

Dario Marchetti

Sono laureato in Lettere e Filosofia alla Sapienza di Roma, con una tesi sul confine orientale d'Italia alla fine della Prima Guerra Mondiale. Ho collaborato con svariati siti su molte tematiche e guidato il gruppo di lavoro che ha pubblicato il CD-Rom ufficiale della S.S. Lazio "Storia di un amore" e "Storia fotografica della Magica Roma".

Post simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button